27 pensieri riguardo “Ubriaco in cella”

  1. I marocchini che vengono a Lonate Pozzolo per ubriacarsi mi fanno pena e schifo. Li farei andare a pedate nel sedere a Malpensa, li imbarcherei sul primo volo per Casablanca. A mie spese. Tanto costa poco, Jet4You è low-cost.

    Che rabbia.

    Ho i miei buoni motivi.

    1. Caro Paolo, allora rincaro la dose: io prenderei buona parte, quasi tutti, i migranti che conosco, bravi o cattivi che siano, e li ricaccerei a casa loro. Per il loro bene. E poi magari su quell’aereo mi ci infilerei anche io. Dipende da dove vengono.

      Molti sono qua, senza nemmeno sapere perché.

      Discorso lungo. I pochi che leggono il mio sito hanno già avuto modo di conoscere il mio pensiero.

      A quelli che ti rimproverano di essere mio amico, io ricordo che la Lega alle elezioni della Camera ha il 25% delle preferenze. Per ogni altra consultazione, idem. Alle Comunali il consenso precipita: c’è qualcosa che non va, vero? Fossi stato in loro, mi sarei occupato di ortofrutta, piuttosto che di politica.

      Io non ho nessun interesse a sperare che i voti della Lega Nord salgano (questo lo scrivo, così almeno rassicuro quelli che pensano che siamo troppo amici) eppure io sono sicuro che grazie a te i voti per la Lega Nord saliranno di molto. La Lega ti deve tenere buono, con te hanno fatto un bel terno al Lotto. Occhio a non buttar via la schedina vincente.

      Ciao Paolo, anzi, manteniamo le distanze: cordiali saluti, caro Tiziani.

      dott. Roberto Vielmi

      ps …aho, sembriamo gli amanti segreti. È mai possibile?!? 🙂

      1. Ho visto il video. C’è una seconda parte dove dice queste cazzate? Prima di commentare vorrei sentire tutto il ragionamento!

        Ringraziando cortesemente il Dott.Vielmi, porgiamo distinti saluti.

      2. «Ringraziando cortesemente il Dott.Vielmi, porgiamo distinti saluti.» 🙂 🙂 🙂

        Non siamo credibili. Ci scopriranno!

        Ciao Paolooo!

      3. Ma basta. Chi se ne frega. O portano fatti concreti che non possiamo dialogare tra persone una laureata quindi colta ed intelligente, l’altra ignorante, quindi assetata di conoscenza o vadano da via ai ciapp.

      4. Ok, ora rispondo al Sig. Ruggiero.
        1) Non conosco Excalibur, in quanto arrivo da Vedano Olona, e non mi sono mai interessato di cosa succedeva a Lonate, se non in minima parte. Mi dicono che era in area MSI, poi AN ora non so. Non vorrei dire io una cazzata, quindi non mi interessa a che area politica facciano riferimento.
        2) Il Sig. Ruggero dice che tutti i capannoni vicino a l’area Malpensa sono pieni di prodotti cinesi. Ora i casi sono 2: o i cinesi sono dei fessi, oppure i padani comprano cinese. Quando la Lega in tempi non sospetti diceva: meno cinesi + parcheggi, come al solito era razzista e xenofoba, salvo poi i fenomeni lamentarsi anni dopo. (Vedremo cosa succederà anche per la Turchia)
        3) Secondo il Sig. Ruggero gli immigrati accettano condizioni INDEGNE di un paese civile. Ora in un paese civile, il Sig. Ruggero è pregato di andare da un magistrato e fare nomi e cognomi di chi tratta gli esseri umani come bestie, altrimenti è populismo e demagogia; quindi la frase sulla Lega la rispediamo al mittente, il quale riteniamo non sappia cosa dica.
        4) Se è vero che i condomini di Tornavento debbano essere “eliminati”, chi cacchio ha dato le concessioni edilizie?
        5) Mio caro Dott. Vielmi, sempre nel rispetto del suo ruolo di difensore dell’informazione a 360°, il sottoscritto Tiziani Paolo ne ha un po le palle piene di chi attacca la Lega senza sapere cosa faccia ufficialmente. Com’è possibile che venga accusata di difendere gli immigrati, quando i vari Dott. The Jack, Rosa, Iannello ecc. altro non fanno che accusarla di razzismo e ignoranza? Evidentemente il fatto che la Lega parli alla pancia della gente, da molto fastidio alle varie associazioni culturali di ogno genere.

        Sempre a sua disposizione per eventuali chiarimente, le porgo i miei rispetti e distintamente la saluto.

        In fede
        Paolo Tiziani

      5. Il dutùr adesso recapiterà la missiva a Gianfredo. Si sa, i laureati finiscono tutti a fare i postini, prima o poi.

        Ah, che ridere quando mi chiamano dottor Vielmi. E vedessi io come gongolo, fingendo falsa modestia.

        Nel campo lavorativo, anni e anni di lacrime e sangue versate sui libri prima dell’alba sono serviti a un bel cavolo di niente, ma…dottorvièlmi… vuoi mettere? Le gioie della vita, eh?

        Ciao
        rob

        p.s. Iannello ha accusato la Lega di razzismo e ignoranza?!?

      6. Ho scritto a Gianfredo Ruggiero. Ho copiato e incollato la risposta di Paolo sullo spazio internet del Circolo Culturale Excalibur.

        Confermo anche qua: sulla strada del ritorno a casa, dopo la videochiacchierata con Gianfredo Ruggiero, pensavo che lui sicuramente può fare a meno della politica lonatese, ma la politica lonatese davvero non può fare a meno di lui. Il suo patrimonio di conoscenza e di idee è inestimabile. Non attingere da lì è imperdonabile.

        Ciao.

      7. Siccome a me piace essere corretto, mi sono presentato sullo spazio Internet di Excalibur. No, Iannello non l’ho mai sentito parlare, però quando in consiglio comunale i suoi “soci” commentano le varie iniziative della Lega, non dice mai nulla, quindi è d’accordo. Ribadisco, possibile che nessuno analizzi cosa si fa o si dice, ma si analizza sempre CHI lo dice/fa?!!? Ora comincio a capire il perchè la gente odia i politici…….

  2. Per La Provincia è Via Marconi, per la Prealpina è Via Manzoni. …ma dove è avvenuto veramente il fatto di cui si parla negli articoli? In Via Novara. Andèm bén!. La famigerata via Novara, luogo del prossimo venturo morto ammazzato di Lonate Pozzolo. Così preconizzò il dottorvièlmi tempo addietro. Quando si comincia a parlare in terza persona…

    Del fatto che l’episodio sia avvenuto in via Novara, ho avuto notizia solo oggi. Me lo ha comunicato il consigliere Iannello. La cosa è saltata fuori per la polemica a distanza Tiziani-Iannello, ancora da chiarire. Alessandro ha promesso di intervenire.

    Visto che siamo in tempi di par condiScioN, ho girato la notizia sia al mio amico Paolo, che al mio amico Giacomo (Buonanno). …ma al consigliere Mantovani ribadisco: mio malgrado, fra i politici locali ho molti più nemici che amici. Nemici tra i peggiori, fra l’altro, perché dicono fesserie infamanti e soprattutto non hanno il coraggio di dirle in faccia. Bella gente, bella gente davvero! Chiusa parentesi, che fra l’altro non avevo neanche aperto.

    Allora, a Paolo e a Giacomo, la stessa domanda: vogliamo fare qualcosa per riprendere il controllo civico di via Novara? La stessa richiesta, ovviamente, è estesa alla maggioranza. Minoranza, maggioranza, società civile: siamo nella stessa barca, una barchetta chiamata Lonate Pozzolo.
    Sappiamo cosa succede in via Novara, soprattutto di sera ma non solo? Ah, se si vivesse di più il territorio…

    La stessa richiesta alla maggioranza: riprendiamoci via Novara, ora in mano non a pericolose bande sudamericane, ma a dieci-balordi-dieci, italiani e non, facile manovalanza per attività illegali e criminose. Il tutto, svolto alla luce del sole. O al chiar di luna.

    Io in via Novara passo a piedi tutti i giorni o quasi. Alle nove di sera per l’andata e verso le dieci per il ritorno. Mi sa che adesso a ma cunvegn svoltare in via Galvani…

    CIAO!

  3. Ma come?!? Il nostro assessore alla sicurezza Portogallo ha dichiarato che il territorio è sotto controllo, che i reati sono diminuiti ecc.ecc. e adesso arriva un Dottor qualunque a dire che ci sono problemi di sicurezza sopratutto legati ad immigrati. Non sarà mica che il Dottor è leghista. Ah no Dottor Vielmi è lei, allora di sicuro non è leghista però vuole che il paese sia sicuro, come credo lo voglian tutte le persone per bene, allora si che bisogna intervenire!
    Siamo sempre alle solite, per i “signori” che gestiscono la cosa basta dare l’annuncio sul giornale di due telecamere ed ecco che il controllo del territorio viene eseguito. Tutte CAZZATE!!! Il controllo del territorio viene fatto fermando le persone, controllandole, e spedite in galera se non in regola, altrimenti lasciate andare.
    Tutto il resto sono chiacchere.

    1. «Dottor qualunque», io? Guardi, caro Tiziani, non Le rispondo nemmeno. Seguirà raccomandata – con ricevuta di ritorno, very italian – dei miei legali. 🙂

      Già tempo fa lo scrissi: basterebbe semplicemente vivere di più il territorio, conoscerlo, calpestarlo. Sia i politici, che i cittadini. Invece ci si rintana in casa, oppure si cambia strada.

      Anche a me fa schifo passare per via Novara e ho anche un po’ paura. Mi verrebbe voglia davvero di fare il giro lungo, ma poi…porcavacca…Lonate Pozzolo è mia, non loro. Il “mia” e “loro” non è legata a diritti di nascita o a passaporti, ma al mio rapporto con la città. Lonate Pozzolo è mia e di tutte quelle persone che vengono da Vedano Olona, da Cirò Marina o da Dakar, che rispettano le normi e fanno di tutto per rendere Lonate Pozzolo migliore.

      Ripeto, nel caso di via Novara, siamo di fronte alle interperanze di quattro balordi senza né arte né parte. Oltre alle già note prostitute che si prostituiscono sotto il cartello di divieto di prostituzione alla rotonda di via Molinelli, ci vogliamo prost…ernare e farci mettere in piedi in testa anche da questi qui? Ma dico io…

      Poveri residenti di via Novara, facciamolo per loro. E anche per quei balordi lì, ragazzotti qua spesso senza famiglia, gente che ha bisogno di una bella raddrizzata. Se non la fa il papà, ci pensi il poliziotto.

  4. Colgo l’occasione per rispondere alla affermazione fatta da Paolo Tiziani poco più sopra. Affermazione che ritengo riferita (come poi ha precisato lo stesso Tiziani) al gruppo dei Democratici Uniti, che a Lonate sono rappresentati dai consiglieri nominati da Tiziani. Tanto più che io non ho mai rilasciato pubbliche dichiarazioni contro la Lega o qualcuno dei suoi consiglieri.
    In effetti, in consiglio comunale, quando i miei “soci” commentano le varie iniziative della Lega se non dico nulla è perché sono d’accordo con loro e con la linea di pensiero seguita dal gruppo politico al quale appartengo: e non potrebbe essere diversamente. Altrimenti, se non avessi condiviso la linea di pensiero dei Democratici Uniti, mi sarei candidato con un’altra lista… la cosa mi sembra più che ovvia.
    Un saluto a tutti
    Alessandro Iannello

      1. Asoleee! Che bello, rileggerti! Dove eri S.p.A.rito? Non ti conoscessi, avrei pensato a un mal di schiena anche per te! A proposito, che ne dici di tutto il cancan che è venuto fuori sulla protezione civile?

        E la tua temuta cassa integrazione? Siccome ne avevi parlato pubblicamente sul blog, te lo chiedo da qua.

        CIAO!

      2. Ci sono sempre, nascosto dietro al mio nickname, scrivo solo il necessario non voglio sollevare problemini a questo bellissimo blog.Domenica ero in sal civica ed ho invitato un’altro Lonatese a leggere questo blog.

        Bertolaso cioè Guido, è la nostra guida, lasciamolo lavorare in serenità,altrimenti con il mal di schiena si aggiungono altri mali da massaggiare.

        Certamente Belusconi e compagni non devono esagerare con la SPA, le emergenze sono della PROCIV i grandi eventi lasciamoli ai poteri forti con regole chiare.

        Mi sposto sul primo argomento del blog per una proposta che ho macinato nella notte.

        ciao a tutti

  5. Aggiungo una notizia in più a quanto già riferito da Roberto Vielmi sui fatti di Via Novara.
    La spazzatura lanciata contro il carabiniere è quella del negozio di mia mamma (non per fare pubblicità occulta). Mia mamma oramai è abituata a queste scene, che si ripetono molto spesso: alla sera lei mette fuori la spazzatura per il giorno dopo e non di rado la mattina si trova a doverla raccogliere, perché sparpagliata per un buon tratto della via… e così altri residenti della zona. Quel giorno la spazzatura era composta da cartoni (per fortuna), ma la stessa cosa avviene anche con le bottiglie di vetro (ben più pericolose).
    Tutta colpa di qualche extracomunitario ubriaco. Sottolineo “qualche”, perché per fortuna la maggior parte di queste persone lavora e vive onestamente e tranquillamente (soprattutto i senegalesi).
    Certo, in via Novara e in via Nazario Sauro c’è un’alta concentrazione di extracomunitari. La zona non è delle migliori dal punto di vista della qualità di vita: c’è un forte degrado sia a livello di tessuto edilizio (basti vedere lo stato in cui versano molti edifici in quella zona) sia a livello di rapporti sociali. E ciò lo si vede soprattutto di sera, quando i pochi negozi della via sono chiusi e il flusso della gente che percorre la via è molto diminuito.
    La soluzione a questo problema non è semplice.

    1. Mi perdoni Architetto79, ma la soluzione non è neanche difficilissima; basterebbe far girare un pò di più le forze dell’ordine nella zona ed identificare chi sono lor “signori”, dopodiche qualsiasi cosa succeda gli si fa pagare i danni. Ma queste cose dovrebbero venir fuori da assessori nominati per svolgere al meglio il compito, cosa che evidentemente non avviene.

      La ringrazio anche per la replica alle mie affermazioni, però se la cosa le può interessare, io come segretario della LEGA NORD Sez. di Lonate ho sempre detto ai “miei soci” che se una proposta è intelligente, anche se fatta non da noi, devono votare a favore. Ok,ok, so già la vostra replica: la LEGA NORD non ha mai proposto niente di intelligente….

      1. «arriva un Dottor qualunque a dire che ci sono problemi di sicurezza sopratutto legati ad immigrati.». Soprattutto immigrati?!? Mai detto, mai scritto! Ecco chi mi strumentalizza, ecco chi mi manipola!!! Altro che occulti comunisti mangiapreti e mangiabimbi: io sono una marionetta nelle mani della Lega. Ebbenesì, sarò il vostro Miglio, il Miglio di Lonate, quello dei poveri. A chi mando la fattura? 🙂

        Caso via Novara: a mio avviso il caso non è così complicato come sembra. Abbiamo a che fare con quattro baltrascani di numero. La realtà di via Padova a Milano è lontana. Certo, poi c’è la criminalità organizzata nostrana, che lì ha attecchito bene, da debellare. Lì è più difficile. Se però togliamo la manovalanza, è già un passo avanti.

        Non so se in via Novara o via Nazario Sauro abitino amministratori comunali o loro parenti. A mio avviso no, altrimenti non potrebbero tollerare queste scene di ordinaria indecenza. Abbiamo permesso a della gente di esportare qua un uso e un costume non nostro, non lonatese. Mai visto.
        Lonatesi tutti, riprendiamoci il nostro territorio!

  6. Bene, sono disposto a pagarti la fattura, però prima devi convincere il popolo ad accettare le 3 macro regioni che voleva Miglio.. 🙂 scusa se ho interpretato male, ma se uno scrive i marocchini che arrivano a Lonate per ubriacarsi mi fanno schifo e li prenderei a calci ne deretano, non mi sembra una frase molto tenera nei confronti di immigrati. Chiedo ammenda per il fraintendimento!

    1. Ti perdonerei tutto, caro Paolo, perchè la tua buona fede è al di sopra di ogni sospetto. «I marocchini che vengono a Lonate Pozzolo per ubriacarsi mi fanno pena e schifo. Li farei andare a pedate nel sedere a Malpensa, li imbarcherei sul primo volo per Casablanca. A mie spese»: confermo. Questi marocchini, però, sono un’esigua minoranza, questo è il punto. Specifico, anche se non è necessario, che sto parlando della realtà che conosco: Lonate Pozzolo. Sono una minoranza esigua, ma rumorosa. E noi non sappiamo metterla a tacere. Preoccupante.

      Una cosa è certa: io, che abito in via Mons. Oscar Romero, non permetterei mai che accadessero le indecenze quotidiane di via Novara.

  7. Bisogna rispettare le idee di tutti anche senza condividerle per forza.
    Così mi permetto di proporne alcune.
    L’immigrazione è un processo inarrestabile: chi pensa o ha pensato di arrestarlo provoca o ha provocato guai.
    Chi delinque e dunque non rispetta le leggi nostre,va punito che sia italiano o immigrato.
    Gli immigrati “servono” alla nostra economia ed in alcuni casi si rivelano essere oggi indispensabili.
    Chi pensa che gli immigrati finito il lavoro debbano sparire dalle città assomiglia molto a uno schiavista.
    Spesso gli immigrati provengono da paesi economicamente più ricchi del nostro ma con la ricchezza in mano a pochi e a volte crudeli boss: mentre noi andiamo là a fare affari…
    L’immigrazione si può paragonare a un trapianto di organi: come un trapianto va preparato e seguito per integrare il nuovo organo ed evitare il rigetto, è indispensabile un processo di integrazione per i popoli che si trasferiscono da un continente all’altro, da un paese all’altro.
    Allora è inutile lanciare minacce contro tutti i non italiani: è così che si creano conflitti sociali.
    Tanti sforzi devono essre profusi per ricercare il modo migliore per integrare.
    E come un trapianto, anche l’integrazione non può essere a costo zero: è necessario investire nell’integrazione perchè comunque sono persone , così come l’organo in un trapianto, necessarie per il futuro sviluppo della civiltà. O vogliamo isolarci da tutti gli altri popoli?
    Infine, è con estremo piacere che ho sentito parole di Bossi e Maroni molto distensive sull’argomento: forse contrastano ancora con certe affermazioni di esponenti della Lega, ma sembra e speriamo che i due leader stiano indicando una nuova strada.

  8. Io sono cocciuto, ma girate il mondo, e vi renderete conto che quanto detto da Loi è vero, però anche gli immigrati devono essere disposti ad accettare le regole. E come gli si insegna il rispetto delle regole? A volte mi capita anche con il mio socio, extracomunitario; faccio una fatica pazzesca a fargli capire che esiste un codice civile, un’educazione, un modo di comportarsi che è lontanissimo dalla sua cultura. Ecco, forse il punto fondamentale è proprio la cultura. Quando io vado a Dubai, nonostante sono europeo (padano) 🙂 non posso fare altro che rispettare il loro “modo di fare” nei confronti anche delle donne stesse, o quando c’è il periodo del Ramadan.
    So già per certo che se vado in Kazaknistan, non posso camminare per strada senza essere fermato ogni 500mt da un poliziotto che mi chiede i documenti, e allora? Lo accetto, gli faccio vedere i documenti, lo ringrazio e me ne vado. Se io non faccio così, vado lì a far casino, me ne danno tante che mi dimentico come mi chiamo! Però lì nessun magistrato/politico/prete (lì sono musulmani) mi difende! Il loro concetto è: hai fatto il pirla? Bene, potevi evitarlo, ma ora la devi pagare. Quì non è così, ma quì è quì.

  9. Sto seguendo con sgomento e disperazione la vicenda di Milko Pennisi, consigliere Comunale di Milano finito in galera per un giro di mazzette. Flagranza di reato.

    Il suo sito personale è ancora tristemente on-line.

    …perché a me – scrivo ora in generale, non per Lonate Pozzolo – gli annunci festosi dei reati in diminuzione fanno sempre sorridere. Sono delle non-notizie, non vogliono dire niente. A volte i reati diminuiscono solo perché non si perseguono. E i reati non sono solo quelli che accadono nelle strade, ma anche quelli che vengono commessi negli uffici. Colletti bianchi, mani zozze.

    Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...