Più chiarezza sul Centro Sportivo

Lo avevamo già accennato dopo l’incontro pubblico tenutosi il 18-07-2016 scorso: Il progetto del nuovo centro sportivo, che dovebbe sorgere a S. Antonino, presenta ancora molti dubbi e perplessità; sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista sociale ed economico.
Da qualche settimana è stato depositato il progetto di fattibilità presso il Comune, a cui dovrebbe seguire una gara di appalto, ma di tutta l’operazione, a parte i brevi cenni dati durante l’incontro pubblico, si sa ben poco, a parte poche informazioni che arrivano, tra l’altro dagli organi di stampa, invece che da quelli istituzionali.

Data l’importanza del progetto, e il suo impatto sociale ed economico, che ricordiamo, interessa tutti i Lonatesi, abbiamo inoltrato la richiesta di una convocazione di Commissione Lavori Pubblici sul tema: “Centro Sportivo”.

Tutte le commissioni, lo ricordiamo, sono pubbliche, anche se scarsamente frequentate dai «non addetti», e, anche questa volta, invitiamo tutti a partecipare, per meglio comprendere i meccanismi di decisione dell’amministrazione. Dal canto nostro, cercheremo di tenervi informati come già facciamo, dalle pagine di questo blog.

Luca

Annunci

I progetti di SEA per Malpensa

Lunedì si parlerà di masterplan di Malpensa nella commissione tecnica convocata alle ore 18 in sala civica.
Sarà interessante avere la possibilità di confrontarsi con SEA su alcuni aspetti critici che emergono esaminando la documentazione relativa alle linee guida del nuovo masterplan di Malpensa presentate lo scorso novembre 2015.

Tralasciando gli interventi contrassegnati nell’immagine sottoriportata dai numeri 1, 3 e 4 (modifiche alle vie di rullaggio, ai piazzali di sosta per gli aeromobili, ai parcheggi per le autovetture e alle palazzine uffici), il clou previsto per lo sviluppo aeroportuale riguarda la cargo city.

Linee guida masterplan
Linee guida masterplan

Il piano è stato già presentato ai sindaci della zona di Malpensa enfatizzando il fatto che di terza pista non si parlerà fino al 2030, però resta preoccupante l’espansione verso sud, a inglobare una consistente fetta di territorio lonatese.
L’obiettivo è, testualmente, ottenere “nuovi sviluppi verso sud (acquisizione aree esterne, ampliamento piazzale e connessione con le infrastrutture esistenti, nuovi edifici, …)”.

Certo, rispetto al progetto iniziale l’impatto sull’area di via Gaggio è inferiore e si afferma addirittura che viene salvaguardata una parte importante della brughiera e il tracciato di Via del Gaggio, ma resta il fatto che l’aeroporto va a invadere e contaminare un’area attualmente patrimonio della nostra comunità.

Nell’immagine sottoriportata si vede come si è intenzionati a spostare la Via Molinelli per ampliare l’area cargo (piazzale e capannoni).
Perché non usare l’area già all’interno del sedime (contrassegnata come “sviluppi infrastrutturali futuri”)?
Forse perché costruzioni in quell’area potrebbero dare fastidio alla terza pista, che si intravede tratteggiata in basso a destra?
cargo_2

cargo

Le notizie dell’ultima ora informano che DHL è pronta a creare un nuovo hub merci nell’aeroporto di Malpensa: dove si insedierà?
Nelle aree già all’interno del sedime aeroportuale oppure si partirà subito con l’espansione a sud?

Resta il fatto che l’impressione è che questi interventi non siano altro che una testa di ponte per espansioni future dell’aeroporto a cui, a quel punto, difficilmente si potrà dirsi contrari.

Il depuratore depura?

Passeggiando lungo il Canale Industriale tra Nosate e Lonate Pozzolo salta all’occhio (e prima ancora al naso) che l’acqua che viene scaricata dai vasconi che raccolgono le acque dell’Arno non è propriamente pulita. Il Canale che prima scorre pulito, si trasforma in una scia di schiuma subito dopo gli scarichi.

La domanda sorge spontanea: quale acqua esce dal depuratore?

Prima
Prima
Scarico
Scarico
Dopo
Dopo