[Audio] Consiglio Comunale del 20-07-2017

Come di Consueto pubblichiamo l’audio integrale del Consiglio Comunale

Ecco i punti all’O.d.G

00:01:17 1. Approvazione dei verbali della seduta consiliare del 04.07.2017.
00:03:05 2. Comunicazioni.
00:04:55 3. Assestamento del Bilancio di Previsione 2017/2019. Stato di attuazione dei programmi e controllo della salvaguardia degli equilibri di bilancio.
00:40:40 4. Approvazione Documento Unico di Programmazione (DUP) 2018/2020.
01:18:32 5. Approvazione Piano Diritto allo Studio – A.S. 2017/2018.
01:51:36 6. Designazione nuovo componente elettivo dell’assemblea dell’Unione dei Comuni Lombarda di Lonate Pozzolo e di Ferno in rappresentanza del Comune di Lonate Pozzolo in sostituzione del precedente membro designato che ha rassegnato le proprie dimissioni.
01:58:02 7. Approvazione del nuovo testo dello statuto sociale della S.A.P, ai sensi del D.Lgs. n. 175/2016 “Testo Unico in materia di società a partecipazione pubblica”, con contestuale presa d’atto della trasformazione della S.A.P. Da s.p.a in s.r.l.
02:07:29 8. Legge regionale 10 marzo 2017 n. 7 “recupero dei vani e locali seminterrati esistenti” – Determinazioni ai sensi dell’art. 4 comma 1.

Petizione anticorruzione

Ogni Ente Locale deve nominare un responsabile della prevenzione della corruzione, che si occupa di redigere il “Piano di prevenzione della corruzione” e il “Programma per la trasparenza e l’integrità”.
In base a questi documenti programmatici viene stabilita la strategia di prevenzione della corruzione all’interno dell’Ente.
In tal modo si vuole evitare che nei comuni si verifichino fenomeni di illegalità.
E’ possibile consultare il Piano triennale e le relazioni annuali sul sito del Comune.

E’ evidente che chi si occupa di tale delicata questione deve aver dato prova di un comportamento integerrimo e riteniamo che sia poco opportuno che il controllore della regolarità e della legalità delle procedure comunali sia indagato all’interno di un indagine per abuso d’atti d’ufficio, concussione e corruzione.

Anche noi DU siamo promotori di questa petizione diffusa a Lonate Pozzolo, Ferno, Cairate e Cassano Magnago.
Chi fosse interessato a firmare la petizione può scrivere all’indirizzo email democraticiuniti@gmail.com o contattarci direttamente.

La Prealpina del 5 luglio 2017
La Prealpina del 5 luglio 2017

[Audio] Consiglio Comunale del 04-07-2017

Riportiamo, come di consueto, l’audio del Consiglio Comunale.

Questi i punti della seduta del 04-07-2017

1. Approvazione dei verbali della seduta consiliare del 05.06.2017
2. Comunicazioni.
3. Comunicazione di prelevamento dal fondo di riserva.
4. Comunicazione dei contenuti della Deliberazione n.89/2017 della Corte dei Conti – Sezione Regionale Controllo per la Lombardia.
5. Designazione dei componenti elettivi dell’assemblea dell’Unione dei Comuni Lombarda di Lonate Pozzolo e di Ferno in rappresentanza del Comune di Lonate Pozzolo.
6. Regolamento di polizia mortuaria, attività funebri e cimiteriali – integrazione art.48 comma 2 lett.E) e correzione errori materiali.

Resoconto Incontro Pubblico Tornavento 29/06/2017

Riportiamo un breve resoconto della serata di ieri sera, a Tornavento, che era volto a presentare lo “Studio di fattibilità per la realizzazione di una pista ciclopedonale in via Goldoni e di una rotatoria incrocio via del Gregge“.
Il condizionale è d’obbligo, dato che, durante la serata, molto animata, si è parlato di molto, molto altro, e ben poco del progetto in sé.

Ma procediamo con ordine. E’ necessario fare una breve premessa: il progetto di una pista ciclopedonale in quella zona risale a diversi anni fa, nata con l’intenzione di unire idealmente capoluogo e frazioni mediante percorsi ciclabili, appunto, ha avuto negli anni variazioni, stop e ripartenze, e un’improvvisa accelerazione negli ultimi tempi.
Del progetto iniziale è rimasto ben poco: la parte di pista relativa alla via Sant’Anna è stata stralciata, dimezzandone di fatto la lunghezza complessiva, ed è stata inserita una poderosa rotatoria (40mt di diametro) all’incrocio di via del Gregge. L’opera prevederebbe anche la variazione dei parcheggi esistenti in zona Farmacia, sottratti dalla nuova rotatoria, e uno sbocco regolato su via del Gregge (con rimozione di una fetta del parco giochi esistente)

[ci scusiamo per la scarsa qualità, in mancanza di foto ufficiali]
Dopo una una breve introduzione, è stato dato spazio ai cittadini per le domande. E le domande, numerose, sono arrivate; forse un po’ a sorpresa, per l’Assessore Patera, presentatore della serata. Le domande e gli interventi, però, e qui direi senza sorpresa, erano tutte volte a capire il perché di un’opera come questa, in questo momento, mentre è chiaramente emerso che le priorità di Tornavento sono ben altre: la cronica mancanza di parcheggi, la scarsità di controlli da parte della Polizia Locale, la mancata manutenzione della Piazza, l’assenza di telecamere di controllo, solo per dirne alcune. Il dibattito si è poi sviluppato rincorrendo parecchie fantasiose ipotesi, che vedevano la pista ciclabile spostarsi a destra e a sinistra della carreggiata, parcheggi a stallo, poi a lisca di pesce, sensi unici e richieste di spostamento a nord o a sud della rotatoria. Nel complesso parecchia confusione, qualche promessa strappata sui parcheggi e veramente poco su quello che implica un’opera come quella. La serata si è conclusa tra molti “vedremo” e “valuteremo”.

Due parole sui tempi e i costi: ho provato a porre qualche domanda, tra la bagarre generale, sui tempi e i costi di tale opera. L’impegno è stimato “intorno ai 600.000€” (facendo bene i conti, però, dalla delibera di giunta risulta di 637.722,97€ quasi 640.000€, quindi).
Per quanto riguarda i tempi, la data prevista è “intorno a Gennaio, Febbraio 2018” per una durata di 200 giorni, quasi un anno di disagio quindi, per i cittadini e i frequentatori di Tornavento. Altro punto di incognita sono i terreni su cui si va ad incidere, con alcuni impegni di cessione gratuita (in cambio di cosa?) e altre trattative ancora in corso.

Un progetto, quindi, che ha ancora degli aspetti poco chiari e, soprattutto, sembra destinato ad essere rimaneggiato, pesantemente, ancora una volta.

Senza nulla togliere alla necessità di mettere in sicurezza un incrocio pericoloso come quello di via del Gregge, non si comprende l’urgenza di un’opera come questa, slegata da altri collegamenti ciclopedonali, senza un effettivo «piano parcheggi», che verranno sottratti dalla pista, senza una reale strategia urbanistica, e che non risponde nemmeno alle necessità primarie dei cittadini della zona. Attenderemo di vedere le annunciate modifiche, per verificare se risponderanno ai requisiti richiesti.

Incontro con il Prefetto

Questa mattina (29/06/2017) abbiamo avuto, come Consiglieri Comunali, un incontro con il Prefetto di Varese, il Dott. Giorgio Zanzi, per esaminare la disastrosa situazione in cui si trova Lonate Pozzolo, con un sindaco in carcere e un segretario comunale indagato.

Durante l’incontro il signor Prefetto ha ribadito il ruolo e le competenze del Commissario prefettizio che verrebbe nominato in caso di dimissioni del Sindaco o della maggioranza dei consiglieri comunali.
La presenza del Commissario garantirebbe la corretta amministrazione del Comune fino a nuove elezioni, provvedendo a portare avanti gli impegni in essere e i punti strutturali come il bilancio e i lavori pubblici, oltre ai vari impegni di tipo sociale ed assistenziale.
Il commissario infatti assume tutti i poteri di Sindaco, Giunta e Consiglio Comunale (nonché di Presidente dell’Unione dei Comuni). L’attività amministrativa proseguirebbe senza particolari scossoni.

Non c’è alcun pericolo, quindi, di veder vanificato il piano di diritto allo studio o altre opere; “pericolo” portato come scusa dalla attuale Giunta solo per giustificare un comportamento che va sempre di più aggravandosi, con il passare dei giorni, nel voler perseverare a tenere in vita una Amministrazione decapitata e delegittimata, e che vede, lo ripetiamo ancora, il Sindaco in carcere, il Segretario Comunale indagato, insieme al Capo della Polizia Locale e ad altri soggetti legati alle passate Amministrazioni.
Non c’è neppure alcun ostacolo “per questioni di organico dell’ufficio” del Prefetto, così come riportato in consiglio comunale dal Presidente del Consiglio Andreoli. In caso di necessità (dimissioni del sindaco o del consiglio) il commissario viene comunque nominato e in tempi brevi.

L’attuale situazione DEVE trovare una soluzione al più presto, attraverso un azzeramento dell’attuale Amministrazione, passando per una necessaria condizione di commissariamento.

E’ ora di fare chiarezza, ristabilire la legalità e tornare a far decidere ai cittadini da chi vogliono essere amministrati.

Il Gruppo Consiliare DU

E’ ora di scegliere

Da quaranta giorni il sindaco è in carcere e la sua maggioranza e la sua giunta fingono indifferenza, come se tutto fosse assolutamente normale.

Noi continuiamo a sottolineare la loro responsabilità politica di questa situzione, di aver condiviso quotidianamente le azioni del sindaco, di essere stati eletti con lui e grazie a lui. Noi ribadiamo che la giunta è scelta dal sindaco e quindi non può essere legittimata a continuare come se nulla fosse, per una presunta tutela del bene comune.

Noi siamo dalla parte della legalità, sempre e comunque. E’ ora di scegliere da che parte stare.