Commissione Bilancio e Finanza Locale – RINVIATA ALLE ORE 19.30

La commissione consiliare permanente Bilancio e Finanza Locale è stata convocata martedì 22 luglio 2014 alle ore 12:30 presso la Sala Giunta del Comune di Lonate Pozzolo e tratterà i seguenti punti all’ordine del giorno:

  1. Nomina Presidente e Vicepresidente  – Commissione Finanziaria;
  2. Approvazione regolamento Imposta Unica Comunale – IUC;
  3. Approvazione piano finanziario TARI  e determinazione tariffe;
  4. Varie ed eventuali.

I componenti della commissione Lavori Pubblici, Urbanistica, Gestione Territorio ed Ecologia sono Mauro Andreoli, Nadia Rosa e Francesca Palazzo, ma ai lavori possono assistere tutti i cittadini.

Consiglio Comunale del 1° ottobre 2013

Il Consiglio Comunale di Lonate Pozzolo è stato convocato in seduta ordinaria il giorno martedì 1° ottobre 2013 alle 20.30. Come indicato anche nella convocazione pubblicata sul sito del Comune, la riunione è prevista presso la Sala Polivalente – Monastero San Michele.

L’ordine del giorno prevede deliberazioni sul seguente argomento:

  1. Approvazione dei verbali della seduta consiliare del 18.07.2013.
  2. Comunicazioni del Sindaco.
  3. Comunicazione del Segretario Comunale concernente la verifica degli atti sottoposti a controlli interni successivi di regolarità amministrativa, ai sensi dell’art. 6 del Regolamento del sistema sui controlli interni.
  4. Piano delle alienazioni 2013 ai sensi dell’art. 58 del D.L. 112/08 convertito con L. 133/08.
  5. Approvazione programma triennale delle opere pubbliche 2013-2015 ed elenco annuale 2013
  6. Addizionale comunale all’imposta sul reddito delle persone fisiche – Conferma aliquote e disciplina
  7. Imposta Municipale propria (IMU) – Conferma aliquote e disciplina
  8. Approvazione regolamento comunale per l’istituzione e l’applicazione del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) – modifica C.C. 18/2013 scadenze rate di versamento
  9. Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) anno 2013 – approvazione piano finanziario e determinazione tariffe
  10. Approvazione bilancio di previsione 2013 – relazione previsionale e programmatica 2013/2015 – Bilancio pluriennale 2013/2015 – e allegati
  11. Interrogazione prot. num. 19856 del 28.08.2013 “Consiglieri Mantovani, Cucchi, Marino” ad oggetto: Piattaforma ecologica bis
  12. Interrogazione prot. num. 21136 del 13.09.2013 “Consiglieri Mantovani, Cucchi, Marino” ad oggetto: Via Alzaia
  13. Approvazione piano diritto allo studio – anno scolastico 2013/2014
  14. Trasformazione del Consorzio “Sistema Bibliotecario Antonio Panizzi” in Azienda speciale consortile “Sistema Bibliotecario Antonio Panizzi” – Adesione con approvazione statuto e relativa convenzione

La seduta potrà eventualmente proseguire il giorno mercoledì 2 ottobre 2013 alle 20.30.

Commissione Bilancio e Finanza Locale

La commissione consiliare permanente Bilancio e Finanza Locale è stata convocata per il giorno giovedì 26 settembre 2013 alle 17.30 presso la Sala Giunta del Comune di Lonate Pozzolo, Via Cavour n. 20.
Come riportato anche nella convocazione pubblicata sul sito del Comune di Lonate Pozzolo, si discuteranno i punti compresi nel seguente ordine del giorno:

  1. Addizionale comunale all’imposta sul reddito delle persone fisiche – Conferma aliquote e disciplina;
  2. Imposta municipale propria (IMU) – Conferma aliquote e disciplina;
  3. Approvazione regolamento comunale per l’istituzione e l’applicazione del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES);
  4. Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) anno 2013 – Approvazione piano finanziario e tariffe;
  5. Approvazione bilancio di previsione 2013 – relazione previsionale e programmatica 2013/2015 – bilancio pluriennale 2013/2015 – e allegati;
  6. Varie ed eventuali.

I componenti della commissione Bilancio e Finanza Locale sono Paolo Arbini, Angelo Ferrario e Virginio Cucchi, ma ai lavori possono assistere tutti i cittadini.

Approssimazioni successive

L’approvazione del bilancio previsionale 2012 del Comune di Lonate Pozzolo porta con sé sgradite novità.

Innanzitutto l’IMU, che viene mantenuta dal Comune di Lonate con le aliquote e le detrazioni previste dalla legge introduttiva dell’imposta sugli immobili, senza alcuna variazione a favore dei cittadini.
Il Comune infatti ha la possibilità di variare le aliquote anche in diminuzione in un range stabilito per legge, ma questa strada non è stata seguita.

L’altra spiacevole notizia è l’aumento dell’addizionale comunale IRPEF.
Finora l’addizionale stabilita da Lonate Pozzolo era pari allo 0,30% del reddito complessivo, con l’esenzione totale per i redditi inferiori a 15.000,00 Euro. Il gettito portato al Comune da questa imposta nel 2010 e nel 2011 si aggira attorno ai 375mila Euro per anno.
Per l’anno 2012 invece il Comune ha calcolato le entrate dovute a questa imposta per Euro 873.219,00, cioè mezzo milione di Euro in più!
Come si ottiene questo risultato?
Prima di tutto modificando il calcolo dell’imposta introducendo degli scaglioni di reddito (che per legge sono quelli previsti per l’IRPEF), ma soprattutto aumentando considerevolmente le aliquote:
da 0 a 15.000,00 Euro –> 0,20%
da 15.000,01 a 28.000,00 Euro –> 0,60%
da 28.000,01 a 55.000,00 Euro –> 0,70%
da 55.000,01 a 75.000,00 Euro –> 0,75%
oltre 75.000,00 Euro –> 0,80%
Da questo schemino si capisce come l’addizionale, prima allo 0,30%, peserà di più su tutti i cittadini lonatesi.

Lo scorso 22 maggio l’assessore Cinalli spiegava che l’intenzione era di non gravare sulle fasce deboli e la stessa Prealpina titolava “L’Irpef sale, ma solo per le fasce alte”.
L’aliquota come minimo raddoppia per i redditi sopra i 15.000,00 Euro, che non credo siano considerati fascia di reddito alta!

Ma non basta!
Immaginate la nostra sorpresa quando in Commissione Bilancio abbiamo scoperto che il gettito stimato era calcolato applicando le aliquote non a scaglioni, come è logico, ma applicando l’aliquota all’intero reddito in base allo scaglione in cui si ricade.
Per esemplificare, un reddito di 50.000,00 Euro avrebbe scontato, secondo il Comune, un’imposta pari a 350,00 Euro (lo 0,70% di 50.000,00 Euro) e non pari a 262,00 Euro (con l’imposta applicata a scaglioni).
Ecco cos’ha studiato in extremis la Giunta per ovviare all’evidente errore: una rimodulazione dell’aliquota che mantenga il gettito invariato.
Considerato che la legge non permette aliquote superiori allo 0,80%, che si può fare?
Ma certo! Aumentiamo la tassazione ai redditi inferiori!
E così i nuovi scaglioni sono:
da 0 a 15.000,00 Euro –> 0,50%
da 15.000,01 a 28.000,00 Euro –> 0,60%
da 28.000,01 a 55.000,00 Euro –> 0,70%
da 55.000,01 a 75.000,00 Euro –> 0,75%
oltre 75.000,00 Euro –> 0,80%
Viene fortunatamente prevista l’esenzione totale per i redditi inferiori a 10.000,00 Euro, ma è evidente il notevole aumento del peso fiscale sui cittadini.

In ogni caso direi che l’obiettivo di non gravare sulle fasce più deboli è miseramente fallito.