Piante® per la piazza

Vorrei sapere con che criterio è stata scelta una “pianta” geneticamente modificata da un’essenza non originaria della zona, oltre che costosa.
La pianta da cui è derivata la Catambra® è la catalpa, originaria dell’America Settentrionale, Centrale e dell’Asia Orientale.
Magari invece di pensare agli appalti a “km 0”, che probabilmente non sono granché leciti, sarebbe opportuno pensarlo per quel verde che manca (e che era previsto nell’idea originale della piazza).

La Prealpina del 15 ottobre 2014
La Prealpina del 15 ottobre 2014

L’insostenibile leggerezza delle regole

Commissione Servizi Sociali e Sanità
Domani 9 ottobre è in programma una conferenza dei capigruppo per poter “trovare una soluzione di buonsenso”, per utilizzare le parole del presidente del consiglio comunale, a un problema che non doveva neanche presentarsi.

All’inizio di ogni mandato amministrativo si procede alla nomina delle commissioni ai sensi di Statuto Comunale e Regolamento per l’esercizio dei diritti dei consiglieri comunali, per il funzionamento del consiglio comunale e delle commissioni consiliari permanenti.

Lo Statuto Comunale, recentemente modificato, all’art. 21, comma 3, prevede il rispetto delle pari opportunità ai sensi del D.Lgs. 11 aprile 2006, n. 198 e “in particolare in ciascuna commissione deve essere garantita la presenza di almeno un componente di genere”.

L’art. 28, comma 1, del Regolamento così recita: “I componenti delle commissioni consiliari permanenti, sono nominati dal sindaco, su indicazione dei capigruppo…”

Il Sindaco ha ricevuto le indicazioni dei capigruppo e ha proceduto alla nomina senza rispettare le norme: infatti i capigruppo, uno all’insaputa dell’altro, hanno indicato i nominativi di tre donne.
La soluzione di buonsenso sarebbe stata sentire o convocare i capigruppo e segnalare la problematica e invece cosa si è fatto?
Si è proceduto alla nomina di una commissione che non rispetta il nostro stesso Statuto (“deve essere garantita la presenza di almeno un componente di genere”).

Quando lo scorso 19 settembre la commissione si è insediata per la prima volta, ho fatto notare la difformità e mi è stato risposto “ci eravamo accorti”, giustificando con un presunto parere non negativo del segretario la nomina contro le regole.
Ora c’è un parere scritto del segretario che esprime “l’auspicio che la composizione della commissione venga modificata”.

La domanda che sorge spontanea è: il segretario non dovrebbe coadiuvare il sindaco nel rispetto delle norme, evitargli di fare errori e procedere con una nomina contra legem? In Consiglio Comunale il segretario ha sostenuto che il Sindaco non può sostituire un membro a sua scelta, ma di certo non dovrebbe neppure procedere a decreti di nomina non regolari!

Auspichiamo anche noi che si rientri nell’alveo della norma, altrimenti non ci sarebbe altro da fare che segnalare al prefetto la difformità della composizione della commissione rispetto allo Statuto comunale.

Piano di Governo del Territorio
Passando ad altro, speriamo che si resti nell’ambito delle regole anche in future occasioni, in vista di una annunciata revisione del PGT.

Già in fase di adozione e approvazione, la trasparenza e la partecipazione non sono state granché protagoniste. Ora si vuole procedere a un aggiornamento dello strumento urbanistico e la prima riunione si è svolta “informalmente” lo scorso 3 settembre.

La procedura di convocazione è stata una telefonata (last minute) ai soli consiglieri nominati nella Commissione Lavori Pubblici, Urbanistica, Gestione Territorio ed Ecologia.

Questa riunione pertanto vedeva presenti il sindaco Rivolta, l’assessore Marino, i consiglieri Cinalli, Palazzo e Iannello e … l’architetto Giuliani estensore del PGT di Lonate Pozzolo (alla faccia della riunione informale!).

Se l’intento era attuare una metodologia che coinvolgesse tutti, lasciatevelo dire: lo state facendo sbagliato!