2 pensieri riguardo “Rivolta sereno”

  1. Certo che la vicenda è “estranea alla politica”.
    Ora toccherà alla magistratura stabilire se si è semplicemente trattata di un’errata interpretazione delle norme (vista la cavillosità dei P.G.T. è anche probabile), o se ci sono state pressioni esterne nei confronti dell’ormai ex responsabile dell’ U.T.C. Antonella Cioffi. Che NON è chiaro se si è dimessa, è stata rimossa d’ufficio o cosa.
    Ed a me sorge un dubbio. E spero NON solo a me.
    ORA Rivolta afferma di “Non ritengo più di avere conflitti di interessi” ma ALLORA, al tempo dei fatti contestati alla Cioffi? E come si sa, gli oggetti dei conflitti di interesse son ben estranei alla politica.
    Saluti.

  2. “La vicenda è estranea alla politica”. Più leggo questa frase e più mi assalgono dubbi di ogni tipo.
    Io ho sempre inteso che alla base di scelte amministrative, ci fosse un progetto politico e una visione politica ben precisa che arrivasse a determinare che tipo di interventi sono realizzabili in determinate zone o quali invece non potessero essere realizzati. Lo so questa è una banalizzazione ma mi serve per farvi capire i miei dubbi.
    Quindi a monte c’è la discussione e riflessione politica che poi si traduce in atti e decisioni che vengono prese rispettando regole amministrative e leggi.
    Ora il nostro Sindaco, ai tempi della vicenda era Assessore all’Urbanistica.
    Realtà amministrativa dove si stabiliscono le regole per la realizzazione o meno di determinati progetti. Una concessione edilizia la concede dopo le verifiche tecniche, l’ufficio che dipende dall’Assessorato all’Urbanistica, non quello ai Servizi Sociali.
    In questi giorni sta sostenendo e ripetendo che la vicenda è estranea alla politica, come a dire che queste decisioni non rispecchiano una decisione politica presa a monte e messa nero su bianco su delle norme tecniche che devono essere rispettate?, oppure il nostro Sindaco ci sta dicendo che su questa vicenda, la politica che ha deciso e assecondato tutte le trasformazioni urbanistiche contenute nel pgt, la stessa politica che ha deciso e concordato un grosso e ingiustificato aumento del consumo di suolo sempre nel pgt, non c’entra nulla?
    Magari la stessa politica che in questi ultimi dieci anni ha spostato il luogo delle decisioni urbanistiche di Lonate al di fuori del Palazzo Comunale?
    Condivido il dubbio che ha espresso alla fine del suo intervento Davidejt.
    La frase sul conflitto di interesse era stata pronunciata la sera del primo consiglio comunale. “Non ritengo più di avere conflitti di’interesse” come a dire da oggi e per il futuro. Ma sul passato???
    Ecco sul passato lui era Assessore all’Urbanistica, diretto responsabile delle scelte politiche che il suo assessorato prendeva rilasciando le concessioni edilizie, concessione come quella oggetto di questa indagine.
    Ok, lo so, il conflitto di interesse non esiste è come credere all’esistenza di Babbo Natale, della Befana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: