Congresso cittadino del Partito Democratico

Riceviamo e pubblichiamo:

Le votazioni per il segretario Provinciale e per il segretario di Circolo saranno possibili dalle 9.00 alle 19.00.
Possono votare solo i tesserati PD, ma ci si può iscrivere anche direttamente al seggio.

Alle 10.45 verranno presentate le candidature alla carica di segretario Provinciale e il progetto politico per la segreteria locale.

Congresso PD
Congresso PD

27 pensieri riguardo “Congresso cittadino del Partito Democratico”

  1. Scusate se mi permetto; premesso che auguro a Walter di diventare segretario, ma ha dato le dimissioni dal comitato W Via Gaggio? Nulla di personale, ma mischiare la politica con l’associazionismo lo trovo “scorretto”. È una mia personalissima opinione, ma mi piacciono le persone che sostengono un cü per una cadrega. Ciao Walter.

  2. Complimenti e auguri a Walter. Immagino si dica così, anche queste cerimonie di partito coi loro congressi, con le loro sezioni e i loro circoli mi sanno di vecchio e di fuori dal tempo.
    Egoisticamente (sottolineo dieci volte “egoisticamente”), interessandomi poco del PD e molto di più di VivaViaGaggio, sono rattristato da questo nuovo incarico di partito di Walter. Immagino proprio – mi riferisco a Paolo – che Walter abbia già rassegnato le dimissioni dal suo ruolo di segretario di WVG, perché palesemente incompatibile con quello di segretario di sezione di partito. Più in generale, sarà difficile che Walter, essendo segretario di partito, potrà continuare a intervenire pubblicamente a nome di VivaViaGaggio, salvo voler fare diventare l’associazione una succursale del Partito Democratico. Nessuno, però, sarà così stupido da arrivare a tanto.
    Sono certo che Walter continuerà a battersi per la tutela del territorio e per evitare la follia della terza pista. A questo punto, non gli resterà che farlo da militante e rappresentante ufficiale del PD, per esempio all’interno del Malpensa Forum, emanazione proprio di quel partito (anche se rivolto anche a chi vota altri partiti).
    Si indebolisce però l’azione associativa di Viva Via Gaggio, che proprio a Lonate Pozzolo ha sede. Speriamo si riesca a colmare questo vuoto che si viene a creare.
    E un GRAZIE ancora a Walter per il lavoro pazzesco che lui ha fatto in questi anni per WVG. Un lavoro fatto di ore e ore di studio, di relazioni, di dossier, di conferenze, di viaggi a Milano e Roma nei vari palazzi istituzionali.

  3. Mmmmm, il fatto che Walter non abbia ancora commentato, mi lascia il dubbio (quasi certezza) che non abbia dato le dimissioni dal comitato W Via Gaggio. Ora, ovviamente non c’è nessun reato, nessuna cosa trascedentale o altro, ma, visto che Rod ha commentato anche lui, un piccolissimo sassolino me lo voglio togliere.
    Caro Rob, ricordi quando tu (con la collaborazione di altri) creasti il comitato? Bene, e ricordi quando tu mi chiesi di farne parte, quanto meno come simpatizzante, cosa ti risposi? Ti risposi che se nel comitato permetti di far entrare personaggi politici che si attivano in maniera assidua, sarebbe stato molto difficile tenere separato le due cose e NON dare una collocazione politica al comitato.
    Al netto dell’impegno di Walter (a cui nessuno mette in dubbio, anzi, credo che si debba solo ringraziare), forse anche grazie ad una stampa locale che non ha separato i ruoli ( articoli che menzionano Walter come componente dei Du/Pd con riferimento al comitato non ve ne sono solo uno…) credo proprio che questa confusione di ruoli abbia fatto si che molte ( o poche persone non importa) non abbiano voluto avvicinarsi al comitato, il quale per com’é nato, aveva solo ambizioni nobilissime, ma che sono andate a remengo.

    Aggiungo che, se tu Rob te ne sei uscito, la cosa mi fa pensare che allora non avevo tutti i torti.

    Non so se Walter (ma credo proprio di si) sia diventato Segretario dei Du/Pd, ma auguro a lui buon lavoro, dicendogli inoltre che NON gli risparmierò critiche o applausi sul suo operato per il bene dei cittadini lonatesi.

  4. Mmm, il fatto che Walter non abbia ancora commentato, mi lascia il dubbio (quasi certezza) che NON abbia ancora rassegnato le dimissioni dal Comitato WVG.

    Visto che Rob ha commentato anche lui, mi voglio togliere un sassolino..
    Caro Rob, ricordi quando tu (con l’aiuto di altri) creasti il comitato, e mi chiesi di entrare (almeno come simpatizzante)? Ricordi cosa ti risposi? Ti risposi che, se permetti di far entrare personaggi politici locali e non, in maniera attiva nel comitato, sarebbe stato molto difficile tenere separate le due cose, senza dare una connotazione politica al comitato stesso (cosa gravissima). Forse anche grazie ad una stampa locale, che non ha tenuto separato i ruoli. (ma forse anche nessuno gliel’ha fatto notare)
    Aggiungo che, quando ho saputo della tua uscita dal comitato stesso, ho subito pensato che non avevo tutti i torti.
    Comunque, ogniuno di noi è padrone di far quello che vuole, e se Walter non ha ritenuto il caso di dare le dimissioni, significa che è convinto che non sia importante.

    Non so se Walter sia diventato (ma credo proprio di si) segretario cittadino dei Du (con tessera Pd quindi, anche qui, è estremamente difficile NON mischiare le due cose) e gli faccio i migliori auguri di buon lavoro per il bene dei lonatesi, aggiungendo che non gli risparmierò critiche o applausi sul suo operato.

    Scusate se mi sono permesso di commentare in casa vostra, ma essendo un blog…

  5. Ciao Paolo, non ti devi scusare per “commentare in casa nostra” perché lo scopo del blog è proprio stimolare il dibattito, anche se la maggioranza non approfitta ma legge e basta.

    Non entro nel merito dei ruoli di Walter, che saprà spiegarli meglio di me, ma mi stupisco un po’ che proprio tu, che sei stato segretario di un partito, possa dire cose come “segretario cittadino dei DU, con tessera PD”.

    Evidentemente dopo quattro anni non è ancora chiaro e quindi lo spieghiamo ancora una volta: i Democratici Uniti sono una lista CIVICA, supportata da cittadini, alcuni dei quali iscritti al PD, alcuni dei quali iscritti ad altri partiti, altri cosiddetti indipendenti.

    Dei quattro consiglieri eletti, solo uno ha una tessera di partito.

    Non può esistere un segretario, non essendo un partito, ma c’è solo un capogruppo del gruppo consigliare eletto.

    Il Partito Democratico finora ha sostenuto i Democratici Uniti, innanzitutto offrendo la sede per riunirsi e naturalmente portando le sue proposte, ma anche se sembra difficile capirlo, sono due cose distinte.

    Un iscritto al PD ha nella lista dei DU lo stesso peso dell’ultimo simpatizzante che vi ha aderito. Citando qualcun altro si potrebbe dire “uno vale uno”.
    E con questo penso di rispondere anche a una domanda che so m.be. ha fatto al neosegretario del PD. Approfitto anche per rinnovare a Walter gli auguri e gli “in bocca al lupo” che gli ho fatto ieri durante il congresso (cui ho assistito come non iscritta).

    PS Paolo, i tuoi commenti non so come erano finiti nello spam; per non scegliere io, li ho approvati tutti e due

    1. Cara Nadia, ti ringrazio x il chiarimento, e subito mi sono sorte un paio di domande; ( anche + di un paio) una è questa: il Pd a Lonate esiste ancora oppure no? L’altra è: non credi che come nel caso di Walter,( ruolo politico da WVG) si faccia veramente fatica a distinguere le due cose? Differenze concrete tra Du e Pd? Oltre alle tessere in tasca, però se tutti i componenti “anziani del Pd” hanno sostenuto la vostra Lista Civica, differenziarsi concretamente è un’esercizio assai arduo, ma forse mi sbaglio io. Ciao a tutti.

      1. Mi sembra evidente che il Partito Democratico a Lonate esista, visto che ieri ha tenuto il congresso locale nella propria sede e ha eletto il proprio segretario oltre che raccogliere le votazioni per il segretario provinciale.
        La sua attività politica ultimamente era un po’ ferma? Può darsi, ed è per questo che Walter si è messo in gioco e ha espresso fin da ieri una serie di propositi per rivitalizzare il partito.

        Sul ruolo di Walter ti ripeto che non mi esprimo: non è un problema mio ma, se un problema c’è, lo affronteranno sicuramente nelle dovute sedi.

        Per quello che riguarda l’ultimo tuo dubbio, come prima risposta ti direi che la domanda è posta male: sono due cose completamente diverse e quindi non si tratta di trovare le differenze.
        Una lista civica è composta da persone che si riuniscono per lavorare ad un progetto amministrativo, mettendo in campo le proprie competenze e le proprie idee per amministrare al meglio il proprio Comune.
        E ti ripeto, non sono necessariamente persone che mettono la croce sullo stesso simbolo alle elezioni politiche, per dirlo in maniera un po’ terra terra.

        Non è questione di tessere in tasca e non mi importa se la lista l’hanno sostenuta i componenti “anziani del PD” (che poi mi spieghi chi sono) o la famosa “società civile” o chi ha la tessera di Rifondazione o se qualcuno del Popolo della Libertà ci ha votato o se qualcuno del PD non ci ha votato.

        Avevamo un progetto e l’abbiamo presentato senza bandiere di partito.

        Beh, e poi la differenza è che le cose le decidiamo insieme, tra componenti del gruppo che sta sostenendo la lista civica: non dobbiamo aspettare direttive dall’alto o sostenere i nominativi che vengono imposti dai livelli provinciali.

        Questa indipendenza mi sembra una cosa fondamentale. Mi pare che questo ci distingua dagli altri contendenti delle scorse amministrative.

        Non abbiamo avuto e non avremo nomi imposti da nessuno, né alleanze consigliate o sconsigliate per cui turarsi il naso.

        Dici poco?

  6. Uno su tutti: Dn.Br. Può darsi che come al solito io non capisco in gran che, ma non mi sembrava così lontano dalla vostra lista; comunque ho capito, la lista civica non ha “padroni” dall’alto. Speriamo che ci siano tante liste civiche alle prossime elezioni, e che i segretari/segretarie dei partiti a Lonate se ne vadano al mare o in montagna e non incomincino a spartirsi i vari incarichi. Staremo a vedere.

    1. Paolo perchè mi dai dell’anziano? Tutti coloro che erano candidati nella lista dei D.U. nel 2009 e che avevano la tessera del PD, erano anziani allo stesso modo. basterebbe pensare che il Pd nasce nell’ottobre 2007 ed è ufficializzato con manifesto nel 2008. Dunque basta fare due conti per capire che non esiste nessun anziano. Detto questo, io dal 2010 non sono più tesserato del PD. Se per anziano consideri la storia politica personale, allora posso convenire che sono anziano. Ma questa è altra cosa. Comunque non c’è nulla da nascondere in riferimento ai D.U.: sono un lista civica (è come scoprire l’acqua calda) con un chiaro orientamento di centro sinistra. Un centro sinistra purtroppo (dico io) con poca sinistra. Il problema oggi è capire dove orientarsi per intraprendere nuove politiche che rispondano alle reali esigenze dei cittadini lonatesi. Lo sforzo che i D.U. stanno compiendo nell’aprire un confronto tutto tondo con la cittadinanza è certamente meritevole. Basterà per individuare nuove vie per le prossime elezioni amministrative del 2014? Si vedrà.

      1. Caro Donato, lungi da me volerti offendere e me ne scuso se ciò è avvenuto; per anziano intendevo uno che è di sinistra da sempre, e che certamente non è un novellino. Per il resto ne parleremo più avanti. Ciao.

  7. Paolo non preoccuparti il mio “perchè mi dai dell’anziano” era assolutamente scherzoso. Anagraficamente, purtroppo, non posso negare che sto passando nella schiera degli anziani. Ma poi scusa che cos’è un anziano? Pensa che conosco dei giovani che sono passati direttamente nella categoria dei vecchi. E questo è un brutto segno. Bando alle ciance, tu che fai per le amministrative del 2014? Lo so che è una domanda brutale da porre in un blog, ma non dirmi che resterai a guardare. Secondo te che aria tira?

    1. Secondo me tira una brutta aria; di fatto il Pdl può solo perdere queste elezioni; posso immaginare la “strategia della Lega” ma non facendone più parte lascio che siano loro a spiegare… Inoltre ci fosse stata un’opposizione capace, forse un minimo di speranza ci sarebbe stata, ma così… E tu che mi/ci racconti? Se “molli il colpo” anche tu è veramente finita.

  8. Che il comitato viva Via Gaggio fosse uno strumento in mano ai DU/PD (trova la differenza) è un dato di fatto e Girardi lo ha utilizzato a dovere per farsi un pochino di propaganda in attesa delle prossime elezioni. “Una persona attenta all’ambiente” ma ha sulla coscienza una consulenza un pochino ingombrante…

  9. Finché una persona esprime un’opinione, il suo diritto di espressione è inviolabile. Quando però si scrive «Che il comitato viva Via Gaggio fosse uno strumento in mano ai DU/PD […] è un dato di fatto [il grassetto è mio]», io replico che l’affermazione è bugiarda.
    Lascio la mia email (roberto.vielmi@gmail.com) e invito gentilmente Giuseppe a contattarmi. Sarei lieto di spiegargli perché, al di là di scelte opinabilissime scelte personali da parte di singoli aderenti a Viva Via Gaggio, la sua affermazione è falsa. Oppure magari – e ne renderei conto qui – sarà lui a spiegare a me perché Viva Via Gaggio è «uno strumento in mano ai DU/PD». Dubito, però: io in Viva Via Gaggio ho passato tre anni della mia vita e penso di poter parlare con cognizione di causa.
    Ancora meglio se riuscissi a incontrare personalmente Giuseppe: discutere davanti a una tazza di tè e molto meglio che dietro allo schermo di un computer.

  10. Penso che quello di Giuseppe sia da considerarsi un attacco al comitato di viva via Gaggio, più che a Girardi. Per quanto posso capire io (per quel poco di esperienza che ho), viva Via Gaggio è un comitato libero da ogni condizionamento politico e partitico. Ne sono prova il percorso limpido fin qui tenuto. I DU/PD (parlo a titolo personale) hanno sempre guardato con interesse al lavoro del comitato, mantenendo la dovuta distanza politica, rispettandone la totale autonomia. E poi comunque, come più volte è stato detto e scritto da Nadia i DU non sono il PD. Sia chiaro una volta per tutte. Poi sulla scelta di Walter di candidarsi a segretario locale del PD si può essere più o meno concordi e muovere le proprie critiche, ma non confondiamo i ruoli e i comportamenti. Certo, ed è comprensibile, che questa scelta di Walter offra il fianco alla critica, ma si tratta, in tutta onestà intellettuale, di saper discernere tra il percorso fin qui effettuato con l’impegno (oserei dire totale) nel comitato di viva via Gaggio e il distacco avuto con l’appartenenza al PD. Dopo di che non è una sorpresa che Walter fosse un aderente ai DU, tant’è che nel 2009 era candidato al consiglio comunale insieme ad altri. Oggi però assumendo un ruolo politico a livello locale è d’obbligo una totale linearità di comportamenti che sono convinto non mancheranno. Io (come semplice cittadino) mi sento di ringraziare Walter per il grande lavoro svolto a favore della causa ambientale e per la tutela del territorio. Consulenze ingombranti? Penso che lo possano essere solo se fatte in mala fede e volutamente ingannevoli.

  11. Buonasera a tutti.
    Mi permetto di lasciare un commento anch’io su questa bacheca, pur non essendo frequentatrice di blog di carattere politico.
    Mi presento: mi chiamo Valentina, ho 28 anni (di cui 26 come lonatese) e faccio parte dell’Associazione Viva Via Gaggio.
    Sono cresciuta in quella Via, alla brughiera sono legati i miei migliori ricordi d’adolescenza e non solo. Non appena esce uno spiraglio di sole il mio pensiero e le mie gambe volano subito lì, per guardare i suoi colori e respirare i suoi odori. E’ un posto meraviglioso, so che su questo siamo tutti d’accordo. Poi è nato il masterplan con la minaccia di sparizione e mi sono chiesta se come cittadina responsabile ed essere umano potevo permettere una cosa del genere, senza perlomeno lottare.
    No. Se c’è un posto che si posso chiamare casa, quello è Via Gaggio.
    Ho deciso di prendere parte attivamente a questa battaglia che è insieme anche un modo per vivere la Via Gaggio con tante manifestazioni e tante altre persone. Partecipo alle riunioni, aiuto nell’organizzazione, sono presente ai banchetti di raccolta firme, mi occupo di particolari eventi (ad esempio questa settimana ero in Via con i bambini di prima elementare per un progetto che stiamo realizzando insieme alle scuole). Non posso e non riesco a fare tutto, ma quello che faccio lo faccio col cuore.
    Ed ecco perchè mi permetto di scrivere qui, a titolo personale: mi rivolgo a chi parla forse un po’ a sproposito dell’Associazione.
    Vi posso assicurare che del gruppo fanno parte persone con ideologie profondamente diverse, ma siamo tutti uniti nell’intento di voler salvaguardare il territorio, ed è quello il nostro obiettivo e finalità associativa.
    Il signor Giuseppe intende l’Associazione come un’appendice di Walter Girardi, ma non credo che possa giudicare. Invito lui e voi tutti ad intervenire a qualche riunione dell’Associazione, ci siamo ogni lunedì in via IV Novembre, la porta è sempre aperta per chi ama Via Gaggio o anche solo per chi vuol passare a fare un saluto. Venite a vedere con i vostri occhi cosa fa il gruppo insieme ai gruppi nati negli altri paesi. Il gruppo, non il signor Walter Girardi.
    Sono certa che mi potrete elencare tutte le occasioni in cui il parallelismo/unione di WVG e DU è saltato fuori, ma so anche che 2 volte su 3 è stato definito tale dalla stampa. Sappiamo tutti che ciascuno è libero di scrivere quello che vuole (e come vuole), ma anche che “scripta manent”. È la capacità di discernimento di ciascuno che fa la differenza…
    E la differenza tra WVG e i DU siamo io, Chiara, Simona, Corinna, Francesca, Lorena, Giuseppe, Alessandro, Antonella, Stefano… siamo tutti pilotati da un politico o siamo qualcosa di più? Le nostre intenzioni sono andate davvero a ramengo? Io sono certa di avere trasmesso un po’ del mio amore ai piccoli che ho incontrato mercoledì, sono estremamente soddisfatta di questo.
    Quando leggerete il nostro Statuto (che presto pubblicheremo), potrete apprendere che il ruolo politico di Walter, per ora, non è una carica di tipo amministrativo e non crea incongruenza né conflitto di interessi con il suo ruolo di segretario dell’Associazione. Quindi perchè state alzando tutto questo polverone? Perchè per colpire Walter, il nostro consulente ambientale, colpite l’Associazione? Perchè ne parlate tutti, ma non vi ho mai incontrati alle riunioni? Vi prego, vorrei poter parlare liberamente e pacificamente con tutti nelle sedi corrette, magari davanti ad un buon te come suggerisce Roberto, oppure se volete ci troviamo in Dogana.
    Scusate l’intromissione…e come sempre, Viva Via Gaggio!

    1. Grazie Valentina!
      Sono sicuro che anche il signor Giuseppe sarà orgoglioso di sapere che a Lonate ci sono persone come te e come i tuoi colleghi di Viva Via Gaggio.

  12. Buongiorno, come Valentina intervengo anch’io e mi presento: sono Chiara, ho 37 anni e dallo stesso tempo vivo a Lonate. A volte mi viene davvero da aggiungere “purtroppo”, perché è una vita che fatico ad accettare il ‘paese piccolo con la gente che mormora’ e la parallela mancanza di senso civico.
    E’ anche per questo che sono stata socia fondatrice e comunque parte attiva in varie associazioni locali, per fare la mia parte e cercare di dare a Lonate Pozzolo delle occasioni di cultura, di svago o come ora per proteggere il nostro caro territorio.
    Dalla politica me ne sono sempre tenuta lontana e credo mai riuscirò troppo ad avvicinarmi, me ne convinco sempre più. Cerco però di dare il mio contributo in altri modi e vorrei venissero rispettati.

    Mi è spiaciuto molto dover leggere alcuni di questi commenti e constatare che ci sono persone che volutamente, loro sì, mischiano politica e associazionismo. Perché questo è quello che vogliono vedere, questo è quello che vorrebbero far risaltare. Non ne comprendo i motivi, ma mi ritengo fortunata per questo.

    All’interno di un’associazione, che per definizione è formata da un certo numero di soci, se ne vuole vedere soltanto uno. Certo, quello che ha più notorietà, è ovvio che sia così. Ma bisogna ammettere che ci si sta concentrando sulla scorza della questione.

    Viva Via Gaggio è un’entità unica e imprescindibile, formata da TUTTE le persone che si spendono con passione al suo interno. Persone che hanno tutte un obiettivo comune, che continuano a credere e ad impegnarsi personalmente e concretamente per poter realizzare le “nobilissime ambizioni” con cui WVG è nata (ed è sopravvissuta, nonostante le varie difficoltà di percorso).
    Ognuno di noi, all’interno di Viva Via Gaggio, è ben cosciente di appartenere ad un’associazione apolitica in cui è presente e attivo come semplice cittadino e persona, al di là di qualsiasi proprio credo.

    Mi spiace anche che non si voglia notare l’attenzione che cerchiamo di mettere costantemente nel non dare adito a confusioni di sorta, ma anche qui… i particolari e le buone idee saltano meno all’occhio delle notizie che possono fare rumore.
    Nessuno di noi è stupido e nessuno vuole essere identificato o confuso per qualcun altro.
    Se guardate Viva Via Gaggio dovete guardare esclusivamente a noi come cittadini che amano e difendono Via Gaggio.

    Parlo per me se dico che forse sono ingenua, è vero, ma voglio credere che siano sempre in maggioranza le persone che riconoscono il “percorso limpido” che è stato fatto e che sappiano discernere tra il valore intrinseco di una realtà associativa e la facile ricerca della polemica a tutti i costi.

    Concludo dicendo che al di là dell’amarezza che mi ha fatto scrivere con un tono forse troppo grave, sono fiduciosa che il “lavoro” che stiamo compiendo (e che compiranno con noi e come noi tutti coloro che vorranno parteciparvi a titolo personale) sia molto importante e stia continuando a dare i suoi frutti.

    1. Brava Chiara!
      “….non ragioniam di lor, ma guarda e passa.” diceva il poeta dall’inferno.
      Lonate non deve rimanere di carta.

  13. Sulla scia di Chiara e Valentina, mi presento anche io: sono Francesca Rosa, ho trent’anni e vivo da sempre a Lonate. Sono forse una delle ultime arrivate come socia dell’Associazione, ma ho sempre seguito ed aderito alle iniziative proposte dall’allora Comitato perchè amo il mio paese e credo alla forza che un gruppo del genere possa avere sul territorio. Lo dimostrano in particolare due fatti: il Masterplan è in uno stato di congelamento in attesa di parere negativo definitivo e, soprattutto, la realtà associativa lonatese è stata esempio per molti altri paesi sul territorio, che come noi, hanno deciso di riunire muscoli e cervello per dare il proprio contributo nel combattere questa battaglia: Turbigo, Nosate, Vanzaghello, Castano, Inveruno, Buscate, Robecchetto, Cuggiono.
    Credo poi che ci sia un elemento sostanziale che renda il nostro impegno civico con Viva Via Gaggio più incisivo e mirato: non usiamo il manganello, la protesta sterile e la mobilitazione feroce, ma la testa, le parole ed il cuore. Ed è possibile combattere in questo modo solo se si conosce a fondo e in maniera dettagliata e minuziosa il problema, oltre che amare la questione in oggetto, minacciata dalla speculazione.
    Io di mestiere faccio la psicologa, non mi occupo di ambiente, diritto, delibere, ecc.. ci posso mettere solo il CUORE in questa battaglia.
    Walter ci mette ANCHE la testa e le parole, perchè sa di cosa stiamo parlando e cosa stiamo trattando, maneggia l’argomento più di chiunque altro di noi. I risultati che abbiamo raggiunto sono importanti PROPRIO perchè li abbiamo raggiunti grazie a questi tre elementi, ugualmente necessari: CUORE, TESTA E PAROLE.

    E’ semplice fare polemica in un blog.

    E’ sterile, poco interessante e francamente infantile criticare senza proporre, distruggere senza seminare.. così com’è davvero desolante vedere che la polemica continua, e non più sulla questione “segretario di Viva sì o no”.

    Ciò conferma il mio pensiero iniziale, che queste polemiche lasciano proprio il tempo che trovano e che quindi non servono a nulla, se non a liberarsi di un pò di veleno in eccesso.

    Rinnovo l’invito che vi ha fatto Valentina: venite il lunedì sera alle 21 in via 4 Novembre così ci possiamo guardare e parlare da persone adulte, scambiare pareri e impressioni, così da poter CRESCERE e rinnovarci, insieme.

    Buon weekend a tutti,

    Francesca Rosa

    1. Anche a Francesca BRAVA e GRAZIE, e avanti così.
      Perchè al di là delle polemiche, fomentate anche da chi vorrrebbe una Lonate migliore, il vostro impegno è nell’interesse, oltre che dei lonatesi, anche di tutti i fruitori di via Gaggio e dintorni.

  14. I commenti di Valentina, Chiara e Francesca sono di una totale chiarezza su quello che è il comitato Viva Via Gaggio che non necessitano di aggiungere altro per dare dimostrazione della totale indipendenza politica e partitica. Grazie per il vostro impegno.

  15. Avviso gli amministratori del blog che paolotiziani@gmail.com sono sempre io, ma come già successo, non sono stato pubblicato. Non importa, riscrivo il tutto come paolo.tiziani@poste.it, anche se vorrei abbandonare questo indirizzo… ma veniamo al mio commento: PREMETTO E PROMETTO CHE NON TORNERO’ PIU’ SULL’ARGOMENTO; (almeno su questo blog) ma lasciatemi esprimere l’ultima mia opinione, e cioè: come fate a sostenere che, NON il comitato come ha scritto Dn.Br., ma l’ASSOCIAZIONE Viva Via Gaggio abbia una totale indipendenza dalla politica e dai partiti, quando il Vostro Segretario Amministrativo è anche Segretario politico e del Partito Pd? Nessuno ha mai messo in dubbio quanto fatto dal Segretario di WVG, ma ora è leggermente diverso; da una settimana è SEGRETARIO DEL PARTITO!! PD. Si, si, so già la vostra obbiezione: lo statuto non esclude le due cose. Bene, anzi benissimo, ma per come la vedo io la morale politica, a volte, deve andare oltre i tecnicismi degli statuti. Io personalmente, dopo un secondo che sono diventato Segretario POLITICO!!!! di un partito, avrei dato le dimissioni dall’ ASSOCIAZIONE. Voi ( mi rivolgo a Francesca, Chiara, e Valentina) no??? (Loi e Dn.Br. hanno già preso posizione sull’argomento quindi non glielo chiedo) Pazienza; a maggior ragione al Lunedi ore 21 avrò altro da fare.
    Buona fortuna.
    Paolo

    1. Ciao Paolo,
      questo tuo commento è finito tra quelli da approvare anche se arriva dal vecchio indirizzo. L’altro commento invece non è proprio mai arrivato, né come “da approvare”, né come “spam”. Mi spiace, ma non è stata certo mia/nostra intenzione censurarti, anzi.

      1. Ciao Nadia, lo so. Era soltanto x avvisarvi che cambierò indirizzo di posta, tutto qui. Grazie e buona giornata.

  16. Buonasera a tutti. Credevo che il nostro pensiero fosse abbastanza chiaro: l’Associazione Viva Via Gaggio (ex Comitato, da maggio siamo Associazione) non ritiene necessarie le dimissioni di Walter dalla carica di Segretario Amministrativo per due ordini di motivi. Il primo, più tecnico, per il quale non sussiste da Statuto incompatibilità. Il secondo, più pratico, per il quale allo stato dell’arte non c’è differenza alcuna, per noi: Walter e la sua carriera politica non inficiano il suo lavoro nell’Associazione e l’Associazione stessa, in quanto le sue dimissioni da tale carica formale non cambierebbero la sua attività all’interno dell’Associazione.
    E non torneremo più nemmeno noi su questo argomento.
    Buonanotte a tutti

    Francesca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...