9 pensieri riguardo “Ferie impreviste”

  1. Non mi pare sia l’unica farmacia nel raggio di cinquanta chilometri, non mi pare che siano avvenute sommosse di piazza, non mi pare che la farmacia chiusa abbia provocato delle morti.

    Caro Matteo, tu che sei il decano dei giornalisti locali di questa zona, tu che ormai sei il nostro Indro Montanelli di brughiera, occupati non solo e non tanto della farmacia che chiude per cinque giorni, ma di cose più importanti.

    S’è fatto il nuovo Papa, abbiamo il nuovo (nuovo?) presidente della Repubblica, abbiamo anche il Presidente del Consiglio (del governo più pazzo del mondo). Manca solo il Sindaco di Lonate Pozzolo. No, adesso c’è, ma l’anno prossimo ci saranno le elezioni comunali. E le liste? Cosa si sa al momento? Il Centrosinistra lonatese collassera e imploderà come sta avvenendo su scala nazionale? E nel centrodestra chi tenterà di prendere il testimone del sindaco uscente? La Lega Nord riuscirà a formare finalmente una lista forte e competitiva per la vittoria e la conquista della carica di Sindaco? Le Cinque Stelle a Lonate Pozzolo si vedono o è ancora tutto nuvoloso? E il FARE – Fermare il Declino, a Lonate Pozzolo animato dall’amico Paolo Tiziani?

    Il paese è piccolo e la gente mormora. Matteo, metti alla prova il tuo udito.

    Ciao!

  2. Questi commenti fuori tema Sig. Rob, proprio non li capisco.
    La farmacia chiusa per una settimana, unica farmacia del capoluogo Lonate Pozzolo, è un problema per tutti ed in particolare per le persone anziane. E non è che gli anziani debbano per forza fare chiasso o altro per dimostrare che così non va bene. La farmacia è un servizio primario per un comune e spero che l’iniziativa unilaterale della proprietà venga indagata ed eventualmente sanzianata da parte dell’amministrazione comunale, che come dice il vicesindaco e assessore al commercio, è stata tenuta allo scuro di tale iniziativa.
    Ed infine buone vacanze ai farmacisti. Speriamo che siano proprio felici le vacanze degli addetti alla farmacia.

    1. Carlo, non scherziamo! Qual è la notizia? La notizia è la farmacia del paese che chiude per cinque giorni, avendo preavvisato la clientela?

      Io vado fuori tema perché non reggo più i temi della Prealpina, che distorce la realtà di un territorio. Tu sei di Lonate Pozzolo? Se sì, ti senti rappresentato dall’immagine che ne dà la Prealpina.

      Per la farmacia che chiude per cinque giorni, grande spazio con il solito titolo assurdo e colonne e colonne di nulla. Per eventi di pubblico interesse, neanche una riga.

      Che cosa è successo per la chiusura della farmacia? E’ morto qualcuno? C’è gente che si è incatenata alle serrande?

      Qualsiasi persona di buona volontà, trovando la farmacia della piazza chiusa che fa? Prima di tutto, va be’, ci rimane un po’. Poi va nella farmacia più vicina. Oppure ci manda qualcuno. Ce n’è una a Sant’Antonino. Immagino ce ne sia una a Ferno. Di certo c’è a Samarate e magari anche a San Macario. Insomma, non è successo un cavolo di niente.

      Le cose che scritto Dn.Br., invece, sono molto più interessanti e – quelle sì – sono degne di un articolo. Se le sa un semplice cittadino, perché non sono comparse nell’articolo?

      E poi, Carlo, nelle città c’è per forza una farmacia ogni tre chilometri? Mi sembra una polemica molto, molto paesana. Certo, la farmacia in piazza fa comodo e mi dispiacerebbe se chiudesse (anche perché i farmacisti sono tanto gentili), però, attendendo notizie più certe sul destino sulla farmacia (e non sulla chiusura per cinque giorni), ripeto, non scherziamo. E che la stampa ritorni a occuparsi di vere notizie.

      Ciao!

  3. Non trovo fuori tema il commento di Rob. Il guaio è che manca l’indagine più profonda sulle ferie della farmacia. Mettere alla prova il proprio udito per uno che scrive articoli è fondamentale. Una farmacia chiusa per ferie è fuori dubbio un disagio per alcuni cittadini. Ma per favore non esageriamo. Il problema è se questa farmacia continuerà o no a svolgere il proprio servizio anche nel prossimo futuro. Da qualche tempo ci sono in giro voci di una farmacia sguarnita di farmaci anche i più comuni (mentre a a Sant’Antonino ci sono sempre), di una farmacia che ha problemi con gli stipendi dei dipendenti. Insomma voci poco rassicuranti. Ecco dove deve essere attento con il proprio udito di chi fa informazione. Porre le domande e i tanti perchè di queste voci. Lo stesso vale per gli amministratori locali. E mai possibile che gli amministratori locali non sappiano ciò che tra i cittadini è argomento di discussione? Vivono o no questi amministratori sul territorio?

  4. Se Bertolli vuole parlare con me di Fare per Fermare il Declino, ha il mio N° di cell. Invece credo che abbia ragione Dn.Br. e Roberto; la vera notizia non è una farmacia che chiude per ferie, ma la vera notizia è che non viene nemmeno informato l’assessorato al commercio. L’assessore al commercio si chieda come mai, e si faccia un esame di coscienza se ha lavorato bene o male sul territorio, come lo dovrebbe fare l’assessore alla sicurezza. A tal proposito, lo informo che con un attento controllo del territorio, l’altro ieri è stato sventato un tentativo di furto di una bicicletta, all’interno di una casa privata.

    Ma non disperatevi cari cittadini lonatesi, vedrete che come per incanto tra la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo, i vari componenti di questa amministrazione saranno presenti eccome sul territorio, raccontandovi di come, pur nelle difficoltà economiche, (che i loro referenti politici a Roma hanno voluto) sono riusciti ad amministrare al meglio questo (triste) paese. Vi ricordo che, d’altra parte, se hanno ottenuto + del 50% dei vostri consensi, questi sono legettimati a farlo.

    Un saluto affettuoso al mio amico Rob, Dn.Br. e a tutti i amministratori/lettori/scrittori di questo blog.

  5. Il fuori tema da me indicato per il commento di Rob era riferito alla prossima campagna elettorale per le comunali 2014, in un articolo dove si parla di chiusura dell’unica farmacia del capoluogo.
    Per le preoccupazioni future della farmacia di P.za S. Ambrogio, rileggete il finale del mio commento e poi capirete che la mia preoccupazioni oltre agli utenti è indirizzato al futuro dei dipendenti.
    E poi sulla Prealpina. Ma scusate che pretendete da un giornale in cui da sempre la linea editoriale è marcatamente schierata per articoli “popolari” e per parte politica a destra. Questo indipendentemente dal giornalista A o B. Ne ho la riprova anche ora che seguo vicende che riguardano Busto Arsizio..

    1. Ciao Carlo, il mio “fuori tema” è legato al fatto che sono stufo dei “temi” della Prealpina. Lasciando perdere la parte politica, ci potrebbero essere articoli popolari più degni di popolarità che non un “chiuso per ferie”.
      La sconvolgente notizia della farmacia chiusa cinque giorni, messa lì così, con un titolo ridicolo come quello, è assurda. L’ultima di una lunga serie: basta! Evadere nel “fuori tema” era l’unica salvezza.
      Spero, poi, che in un commento su un blog – e non in un intervento alla Camera dei Deputati – io possa divagare come e quanto voglio, almeno fino a che i moderatori del blog riterranno le mie parole degne di pubblicazione.

      Riguardo a “rileggete il finale del mio commento e poi capirete che la mia preoccupazioni oltre agli utenti è indirizzato al futuro dei dipendenti” penso che fosse impossibile capire le tue preoccupazioni per i lavoratori. Anzi, al contrario, sembrava che tu li accusassi di andare in ferie al posto di badare ai poveri clienti bisognosi di medicinali. Come si faceva a pensare a una tua preoccupazione per i dipendenti, quando dall’articolo non si sa che le sorti della farmacia sono in bilico? Io mica sapevo che le cose stanno andando male, sempre che sia davvero così.
      In ogni caso, anche con la farmacia del capoluogo aperta, molte persone – anche anziane – vanno a Sant’Antonino perché si trovano meglio.

      Insomma, per chi non abitasse a Lonate Pozzolo e avesse letto l’articolo, ecco una notizia veloce: non c’è davvero nessun subbuglio. Un piccolo disagio per qualcuno, può darsi, ma – per favore – si ripristini la verità e si usino le giuste parole.
      Se davvero la farmacia chiudesse per sempre a me dispiacerebbe molto perché romperebbe quel percorso tematico che la piazza offre. Piazza S.Ambrogio è meravigliosa: si parte dalla Chiesa, il battesimo. Poi in senso orario, c’è la tabaccheria con le sigarette e i giochi d’azzardo, poi c’è il bar con gli alcolici e i superalcolici, quindi c’è la farmacia, poi le pompe funebri e infine si ritorna alla chiesa per il funerale. Geniale, vero? È la giostra della vita.
      In tutt’Italia, ne sono certo, ce l’abbiamo solo noi.
      Ciao a tutti i lonatesi!

  6. Lunedì la farmacia ha regolarmente riaperto.
    La reazione che era palpabile tra la cittadinanza sembrava più delusione (“Ah? Ha riaperto? Erano proprio ferie?”), piuttosto che sollievo.

    1. Mi stavo giusto chiedendo delle sorti della farmacia. Grazie, Nad70, per aver restituito un elemento di realtà.

      E già mi immagino la pagina del nostro glorioso quotidiano locale.

      Occhiello: Dopo la settimana di chiusura, il paese tira un grande respiro di sollievo.
      Titolo: LA FARMACIA RIAPRE, LONATESI IN FESTA
      Sommario: Scene di gioia fra i cittadini. Per celebrare l’evento, la ProLoco organizzerà una risottata con tachipirina per tutti.

      Scherzi a parte, si sa di più del destino del negozio oppure no?

      CIAO!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: