Registrazione del consiglio comunale del 28 settembre 2011

L’ordine del giorno prevedeva i seguenti argomenti:

  1. Approvazione dei verbali della seduta consiliare in data 07.07.2011 [manca la registrazione per un errore del tecnico].
  2. Surroga del consigliere comunale dimissionario sig. Colombo Paolo [manca la registrazione per un errore del tecnico].
  3. Comunicazioni del sindaco [mp3 N03].
  4. Salvaguardia degli equilibri di bilancio e ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi art. 193 del D.Lgs. 267/00 [mp3 N04].
  5. Variazione di bilancio esercizio 2011 e pluriennale 2011/13 [mp3 N05].

PM10: un anno di polveri

I dati rilevati dalla centralina di Ferno per i mesi da maggio a settembre 2011 sembrano tranquillizzanti: solo sette rilevazioni (su 141) hanno superato il limite dei 50μg/mc.

Purtroppo il discorso si complica quando si considerano i dati relativi al 2011, da gennaio a settembre:

  • su 261 rilevazioni valide, ben 72 hanno superato la soglia dei 50μg/mc (ricordo che la normativa prevede un massimo di 35 rilevazioni in un anno al di sopra di questa soglia);
  • il valor medio delle 261 rilevazioni è di 42,10μg/mc, mentre la normativa prevede un massimo di 40μg/mc come media annua.

Insomma, anche se siamo “solo” a ottobre, entrambi i limiti stabiliti dalla normativa sono stati superati.

PM10 – Valori (μg/mc) rilevati dalla centralina di Ferno nei mesi da maggio a settembre 2011. Il valore misurato ha superato la soglia critica di 50 μg/mc "solo" in sette giorni (su 141 rilevazioni).

Considerando tutti i dati pubblicati in precedenza (ottobre 2010, novembre 2010, dicembre 2010 e gennaio 2011, febbraio 2011, marzo e aprile 2011) si può anche valutare l’andamento complessivo da ottobre 2010 a settembre 2011, un anno intero in cui:

  • su 348 rilevazioni valide (sono 17 i casi in cui la rilevazione non è stata considerata valida), ben 113 (sic!) hanno superato la soglia dei 50μg/mc;
  • il valor medio delle 348 rilevazioni è stato di 43,64μg/mc.

Cosa dire? Aspettiamo che le “autorità competenti” prendano i provvedimenti più opportuni per difendere la salute dei cittadini.