Una domenica in piazza

Anonimi raccoglitori di firme, UDC, PDL e Bicipace

La Prealpina del 31 maggio 2011
La Prealpina del 31 maggio 2011
Bicipace (courtesy of Luca Perencin)
Bicipace (courtesy of Luca Perencin)
Bicipace (courtesy of Luca Perencin)
Bicipace (courtesy of Luca Perencin)

2 pensieri riguardo “Una domenica in piazza”

  1. Non ho firmato la petizione e non la firmerò!
    Ricordo che lo scorso 24 febbraio il Consiglio Comunale di Lonate Pozzolo ha approvato all’unanimità (quindi anche con il mio voto) una mozione di cui riporto il deliberato: “Il consiglio comunale esprime parere negativo alla realizzazione di un impianto sperimentale d’inertizzazione dell’amianto o di attività simili sul territorio del Comune di Lonate Pozzolo e impegna il Sindaco, la Giunta e l’Amministrazione Comunale: (1) ad attivare ogni iniziativa, anche legale, finalizzata a impedire la realizzazione dell’impianto; (2) a inserire nel predisponendo PGT tutti i vincoli che possono impedire, ostacolare o almeno disincentivare la realizzazione d’impianti sperimentali d’inertizzazione dell’amianto o di attività altrettanto pericolose sul territorio comunale; (3) a trasmettere il seguente atto alla Regione Lombardia e alla Provincia di Varese, nonché alla società Krysalide Srl.
    Da allora non ho cambiato idea e mi risulta che sia solo uno il consigliere che ha espresso sulla stampa un parere diverso da quello che aveva dichiarato il 22 febbraio. Basta questo (parziale dissenso) per annullare la forza di una delibera unanime del Consiglio Comunale? per tornare da capo e ripartire dalle petizioni popolari? Il Consiglio Comunale ha già interpretato (mi sembra correttamente) il comune sentire dei cittadini di Lonate e ha dato al Sindaco e alla Giunta un mandato preciso. Perché il Sindaco e gli assessori vanno in piazza a firmare una petizione? Perché il Sindaco ha bisogno di 200 firme a sostegno della sua azione? Cosa sono queste 200 firme in confronto ai 3685 voti che ha ricevuto nelle ultime elezioni?
    La mia paura è che queste operazioni mediatiche servano solo a sollevare una cortina di fumo per mascherare una sostanziale incapacità di fronteggiare il problema.
    Ditemi: se tra sei mesi o tra un anno dovessimo chiedere al Sindaco e alla giunta cosa hanno fatto per soddisfare quanto stabilito dalla mozione, la sottoscrizione della petizione sarebbe una risposta sufficiente?

    Per questo ribadisco quanto detto all’inizio: non ho firmato la petizione e non la firmerò! C’è già una mozione con sotto (anche) il mio nome.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...