Dai ragazzi proposte concrete

Consiglio Comunale dei ragazzi - 9 marzo 2011
Consiglio Comunale dei ragazzi - 9 marzo 2011

Ho trascorso una piacevole ora in sala civica questa sera in compagnia del Consiglio Comunale dei ragazzi.
E’ stato un momento di reciproche presentazioni: i 15 ragazzi hanno riassunto i momenti che hanno portato alla loro elezione lo scorso mese di dicembre, con il risultato notevole di un pari merito tra le due liste risolto da una sorta di premio di maggioranza (ha ottenuto un eletto in più la lista con più preferenze espresse), mentre i Consiglieri e gli Assessori presenti hanno illustrato a grandi linee il loro ruolo e l’ambito in cui operano.

Il CCR ha approfittato dell’occasione per presentare la serie di proposte portate avanti come programma elettorale di ciascuna lista. Sono tutte questioni che li riguardano molto da vicino e che toccano i loro interessi in tutta la giornata: il tempo trascorso a scuola, in mensa e nel tempo libero.
Per esempio c’è la richiesta di avere un ambiente scolastico decoroso e ben tenuto, che si possa raggiungere riducendo il traffico veicolare (con l’introduzione del piedibus) e dove poter usufruire di un servizio mensa più completo (colazione e menu etnici). Ma l’interesse è anche per il paese, dove saltano all’occhio i marciapiedi maltenuti del centro storico e l’assenza di dossi per il rallentamento del traffico. Per il tempo libero si richiedono spazi per poter giocare e stare con gli amici in piena sicurezza, oltre a piste ciclopedonali da poter percorrere in libertà.

Purtroppo credo sia ben chiaro ai componenti del CCR, dopo i continui richiami del Sindaco e degli Assessori, che la situazione economica non è delle più rosee e che gli interventi relativi al settore opere pubbliche difficilmente verranno realizzate in tempi brevi.
Spero però che le loro istanze vengano tenute in piena considerazione e che sia fatto tutto il possibile per soddisfare i desideri dei nostri giovani concittadini, cercando di realizzare almeno quelli meno onerosi economicamente per il Comune.

Come ho detto ai ragazzi, noi minoranze siamo i “rompiscatole” del Sindaco e della Giunta e perciò ricorderemo a più riprese le vostre proposte, impegnandoci a fare in modo che vengano tutte realizzate.

Come primo obiettivo ci poniamo il piedibus?