Fratelli d’Italia

Il 17 marzo si festeggiano i 150 anni dell’Unità d’Italia. Siamo sicuri che l’amministrazione di Lonate saprà organizzare in maniera adeguata le opportune celebrazioni per questa ricorrenza. Ci siamo però permessi di proporre una mozione (Mozione Inno Nazionale) per aggiungere un “piccolo” segno a memoria di quanti hanno lottato per l’unificazione del nostro paese: chiediamo che almeno per quest’anno, il consiglio comunale si apra con le note dell’inno nazionale … e se a Sanremo ci ha pensato Benigni, noi a Lonate possiamo chiedere il supporto della Fanfara!

2 pensieri riguardo “Fratelli d’Italia”

  1. Caro The Jack, confesso: quando ho sentito per la prima volta la notizia del 17 marzo festivo, ho subito pensato che si trattasse di una grande pirlata. Allora non conoscevo ancora la posizione della Lega Nord e dei suoi ministri. Be’, poi mica potevo cambiare idea solo per fare un dispetto a loro! Ribadisco, per me stare a casa il 17 marzo è una pirlata grande come un grattacielo a settantasette piani. Non ne faccio una tragedia, non denuncio niente e nessuno, però – boh – mi lascia perplesso assaje.

    Io celebro l’Unità d’Italia ogni giorno e ogni volta in cui rispetto le leggi e contribuisco a migliorare questo povero ricco Paese. E non sento per questo il bisogno di festeggiare.

    Capisco poi anche i motivi di chi dice “sì al 17 marzo festivo”, però… boh. Le parate non fanno per me (come spesso diceva Dida al Milan). CIAO!

  2. Credo che festeggiare (ricordare tutti insieme) un anniversario di questo tipo (ogni cinquant’anni?), specie in questo momento , possa solo aiutare, o almeno dovrebbe, a prendere coscienza che siamo una nazione, tutti coinvolti a rendere il nostro paese più “civile”: non foss’altro, per il rispetto di chi si è sacrificato per noi .
    Del resto così come è giusto dichiarare il lutto comunale (con la chiusura di tutto, per unire tutti nel ricordo)in occasione di gravi perdite che toccano gli affetti e le sensibilità di una comunità, mi sembra doveroso ricordare le migliaia di giovani di ogni provenienza, morti per darci la libertà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: