5 pensieri riguardo “Amianto sì o no?”

  1. Articolo presente su Varesenews [collegamento al video].

    In attesa della “valutazione di impatto ambientale in Regione Lombardia”
    è stato presentato il progetto di trattamento termico dell’amianto all’Unione Industriali
    della Provincia di Varese,composto da 33 Imprese associate per 830 addetti.

    Dall’articolo “l’amianto italiano viene smaltito in discariche tedesche, i cui cancelli verranno presto chiusi”.
    Quando diventa emergenza non c’è più tempo per informare e discutere le autorizzazioni vengono rilasciate?

    1. Personalmente ritengo la questione Amianto una emergenza da molto tempo, prima ancora che si applicasse (secondo me giustamente) il concetto di SMALTIMENTO A KM ZERO dei rifiuti. Perché emergenza? semplicemente perché nel corso degli ultimi anni le lastre di amianto e cemento amianto hanno superato i sacchi dell’immondizia nella speciale classifica “Cosa ti scarico nel bosco”.
      Ma al di la di questi aspetti, c’è la necessità di capire come risolvere lo smaltimento, visto che l’unica e ultima discarica autorizzata in Lombardia ha raggiunto il limite di saturazione. Se l’unica soluzione è il tombamento in discarica (assolutamente non sicura) stabiliamo quali altre cave potranno ricevere questo materiale. Noi ne abbiamo una che ha smesso di funzionare (la ex fossa bustese), che dovrebbe essere recuperata a verde? siamo sicuri che non la possano usare per tombare l’amianto?
      Questo progetto è sicuramente innovativo e va seguito con la dovuta serietà, senza cavalcare l’onda della protesta, o assumendo posizioni di facciata solo a favore della salute dei cittadini, e magari si altre situazioni girare la testa come se il problema non esistesse (Depuratore giusto per indicarne uno).

    1. Il depuratore diventa un problema (e lo è) se chi lo gestisce non è in grado di farlo. Come mai la nostra amministrazione comunale non fa nulla per risolvere la questione del depuratore? è stato chiesto di sostenere il ricorso in appello contro la assoluzione dei vertici del depuratore per disastro ambientale, ma l’amministrazione ha preferito non occuparsi. Allora la mia domanda è molto semplice: i problemi li vogliamo risolvere o no?
      Sul depuratore, tutti dicono che è un problema ma nessuno nuove un dito per risolverlo…

  2. Ciao, ribadisco le mie idee che il nostro paese, come dici tu Walter, ha già dato molto (vedi commento su terza pista) per cui non è che Lonate e i suoi abitanti deve salvare l’intera Lombardia. Basta al pressapochismo e all’avventura di pochi a scapito della corretta informazione e della sicurezza TOTALE dei lonatesi. Se ci sono delle cose che non vanno a Lonate, tipo depuratore e altro, pensiamo tutti a cosa e come fare per metterle in sicurezza. Poi andiamo oltre ma sempre nel progresso ecocompatibile e sostenibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...