Nomi, cognomi e infami

Nomi, cognomi e infami
Un altro libro che parla di criminalità organizzata, un altro libro in cui Lonate Pozzolo viene citato per le intimidazioni e gli omicidi  della ‘ndrangheta.

Mi preme riportarne almeno due passaggi.

Il primo è ripreso dalla prefazione di Gian Carlo Caselli:
In Italia, per certi ambienti politico-culturali il vero peccato non è la mafia, ma raccontarla. Coloro che fanno affari con la mafia amano il silenzio e molti “osservatori” lo praticano normalmente, con un’attitudine a piegare la schiena che è piuttosto diffusa

Il secondo invece fa riferimento alle parole di Borsellino:
«Parlate della mafia. Parlatene alla radio, in televisione, sui giornali. Però parlatene» diceva il giudice Borsellino. La parola è un mitra senza proiettili che instilla germi; germi di consapevolezza, germi di coscienza, germi di libertà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: