8 pensieri riguardo “VivaViaGaggio risponde a Claudia Colombo”

  1. Sputare nel piatto dove si mangia….
    Se il piatto contiene un boccone avvelenato “sputarlo” è doveroso!
    Non è nemmeno necessario insegnarlo a scuola: è istinto di sopravvivenza.

    Piuttosto bisogna preoccuparsi di chi avvelena il boccone e dunque il piatto ed investigare quali interessi abbia.

  2. Questo, in ordine di tempo, è l’ultimo di una lunga serie di attacchi personali e non solo che il Comitato o qualche suo membro subisce da qualche mese.
    Intimidazioni, vere e proprie minacce messe in atto con il solo scopo di spaventare e di far vedere che chi fa la voce grossa comanda.
    Si dimenticano i ruoli che una persona ricopre, si dimenticano di quanto prevede la Costituzione Italiana, si dimenticano le differenze tra interessi pubblici propri degli enti locali e gli interessi privati propri di una S.P.A…soprattutto se ci si dimentica volutamente che per un ente locale ha una vocazione specifica e invece si finisce per essere succubi o “schiavi” della S.P.A.
    Ignorano anche una cosa fondamentale, colpire uno del Comitato è colpire il Comitato. Qualcuno ha detto e ci ha telefonato dicendo che le accuse lanciate erano contro un dipendente comunale e non contro il Comitato.
    La situazione è ancora ben più grave…proprio perchè l’art. 21 della Costituzione, non è un qualcosa di astratto e inoltre ci somo i mezzi e gli strumenti per sanzionare eventuali (inesistenti in questo caso) comportamenti illeciti.
    Hanno iniziato ridendo di noi, ridevano a crepapelle ascoltando la nostra canzone. Poi sono passati agli insulti, come quelli sui forum a favore di malpensa, dove veniamo dipinti come terroristi già che qualcuno invoca l’intervento del Ministro Marono (lo deifinisce il mio amico Ministro) per impedire le nostre riunioni e per stroncare le nostre manifestazioni con l’intervento delle forze dell’ordine.
    Poi arrivano alle minacce, nemmeno tanto velate e agli insulti, vili e volgari.
    Ci spaventano queste cose? Assolutamente no! Ci rallentano e ci fermeranno? Ma nemmeno di un passo.
    Noi andremo avanti, consci delle nostre idee e delle nostre convinzioni…avendo sempre e comunque il massimo rispetto anche per chi, non avendo argomenti ci insulta.
    Giusto per la cronaca, qui il link del nostro video filmato
    http://vivaviagaggio.wordpress.com/2010/09/26/la-risposta-alla-frase-vigliacca-di-claudia-colombo/

    Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci (Gandhi).

  3. E’ necessario un linguaggio chiaro, diretto, comprensibile.
    In politica, come in tutte le altre cose della vita, è legittimo cambiare parere e opinione. Maturare pensieri diversi, a volte profondamente contrastanti con quelli precedenti è segno di profondo travaglio interno e maturità. A volte è puro e semplice tradimento.
    La posizione dell’ex Sindaco di Ferno Claudia Colombo e attuale Assessore a Somma Lombardo rientra proprio nel tradimento.
    Io ricordo le posizioni più volte espresse dalla Signora Colombo, contro Malpensa; quando insieme a migliaia di manifestanti protestava contro Malpensa; quando nelle varie sedi regionali, sottolineava giustamente, che del territorio di Ferno è rimasto poco o nulla perchè espropriato a favore della Malpensa; quando in Regione Lombardia, con angoscia, ma anche con determinazione difendeva i diritti dei delocalizzati del primo bando.
    Poi ha visto crescere una farmacia comunale nell’aerostazione; poi la delocalizzazione si è attuata (anche se mi rimangono alcuni dubbi sul fatto che Ferno potesse rientrarci); poi si sono visti i benefici dei riparti finanziari determinati dalla quantità di territorio incluso nel sedime aeroportuale (a discapito di altri con maggior disagi). Poi… poi nel frattempo non ha più potuto fare il Sindaco perché esauriti i due mandati consecutivi. E allora? E allora era arrivato il tempo di ritornare a lavorare. Ma come si sa le strade della politica sono ampie (non infinite). Ecco (che coincidenza) che salta fuori un posto d’Assessore Provinciale esterno a Varese. L’esperienza dura poco solo dopo sei mesi ( causa le dimissioni del Presidente) si ritorna a votare, e tutto è rimesso in discussione. Con la provincia chiuso. Di nuovo lo spettro di ritornare a lavorare.
    Ma le occasioni si presentano nuovamente (ah la fortuna). Claudia Colombo è chiamata (si fa per dire chiamata) a fare il Vice Sindaco esterno di Somma Lombardo. Ma a Somma Lombardo si conclude la legislatura e si ritorna alle urne. E adesso? E adesso c’è un nuovo posto garantito d’assessore esterno. Ecco fatto.
    Insomma, c’è sempre stata pronta una poltrona politica dove potere appoggiare (delicatamente s’intende) il fondo schiena.
    E’ possibile pensare che il cambiamento di rotta della Signora Claudia Colombo sulla questione Malpensa sia collegabile alla sua storia di posti occupati in politica di questi ultimi anni?
    Dopotutto sappiamo che la Provincia di Varese, governata da quasi vent’anni dalla Lega, non ha mai contrariato l’espansione di Malpensa. Dopotutto sappiamo che Somma Lombardo, attraverso il Sindaco (anche lui un Colombo), non ha mai contrariato l’eventualità della terza pista.
    E se la Signora Claudia Colombo, nonché assessore attuale esterno di Somma Lombardo, provasse ad essere contraria alla terza pista come semplice cittadino di Ferno, gli sarebbe consentito di occupare il posto in Giunta?
    Dunque il problema non di chi è accusato di sputare nel piatto dove mangia, ma di chi appoggia le chiappe sulle sedie dell’opportunismo politico.

    1. Caro Donato, come sempre leggo volentieri i tuoi interventi, a come sempre, a volte li condivido, a volte meno. Non sono e non voglio essere l’avvocato di nessuno, men che meno della Claudia, la quale ritengo si sappia difendere da sola. Il mio vuole essere un ragionamento con te, come se fossimo seduti fianco a fianco tra il pubblico, durante il consiglio comunale 🙂 .
      Premesso che non ho dubbi su quanto da te minuziosamente sostenuto, io credo che chiunque, persino tu 🙂 ,abbia il diritto di svolgere la sua vita “politica” come meglio ritenga opportuno; purché ciò avvenga nel rispetto delle regole. Io credo che si debba valutare di più cosa una faccia, o abbia fatto, piuttosto che da quanto tempo lo faccia. Io credo che si debba valutare se Claudia, in tutte le sedie dove lei ha appoggiato le chiappe (come dici tu) abbia lavorato bene o male. Quanti anni hai fatto il consigliere comunale? 20/25 e non ti sembra che sia meglio se uno ti valuti per cosa hai fatto, come l’hai fatto ecc.ecc.
      Scusa, ma l’opportunismo politico non è in chi oggi ha una tessera di partito, e domani mattina ne ha un’altra?
      Altra considerazione che mi sento di fare, è che forse sia giunto il momento di spiegare a tutti ed entrare nel merito di cosa sia successo concretamente. Non credo che tutti sappiano di cosa stiamo parlando. Lascio a te l’onere di spiegare il fatto che ha portato un consigliere comunale di Ferno a sostenere :”…Quindi credo che preparare il nostro territorio e guardare la realtà sia una degli scopi del nostro amministrare, questo deve essere il nostro amministrare, la paura della terza pista, adesso tutti andiamo a sposare via Gaggio, l’ha detto il nostro capogruppo, bisogna essere seri e sinceri quando si parla di via Gaggio e non qualche dipendente comunale che va a difendere via Gaggio, che sputa nel piatto dove mangia quotidianamente e non so se si dovranno prendere delle decisioni rispetto a queste situazioni….”
      Come sempre ti saluto con stima.

      1. Accidenti, l’ultima parte del discorso della signora in questione, oltre all’oltraggio, nasconde anche una non tanto velata minaccia. Quindi è più grave di quello che pensavo, a casa mia si chiama ABUSO di potere.
        Come membro del comitato contesto questa frase con tutte le mie forze, per parere mio personale invece rimando alla frase che ho scritto sopra!
        W via Gaggio, nonostante chi ci rema contro!

      2. Vedi Lorena, il “problema” è che nessuno sa esattamente cos’ha detto la Sig.ra Colombo (escluso ovviamente i presenti)se può essere d’aiuto a Pag.12 http://www.legalonate.org/uploads/5d91b606-3005-117c.pdf è l’intervento completo, ma sopratutto molti non sanno a cosa fa riferimento nel fatto specifico.
        Giustamente, DAL TUO PUNTO DI VISTA, la frase è gravissima; dal mio punto di vista lo è un po meno, nel senso che secondo il mio personalissimo parere da microscopico imprenditore, (lascia stare il mio ruolo politico) la frase è molto forte; forse troppo “estremista”, ma se la vedi da un’altra “angolazione” forse qualche dubbio ti rimane. Almeno a me. Offensiva? Boh, quì si entra in un campo che varia da persona a persona. A me puoi dire di tutto, purche lo motivi; a qualcuno non puoi neanche dire come la pensi, che subito ti dicono di essere in malafede. Non so. Certo, il dipendente comunale 🙂 si è incazzato moltissimo; si è offeso perché tirato in ballo in primis; io, se una frase del genere me la dicesse un vostro esponente politico qualsiasi, ci farei sopra una risata.
        Tu dici che è una minaccia? Può essere, però potrebbe anche essere un modo di esternare uno come la pensa. Ti faccio un esempio: se io dico che tizio secondo me si è comportato male, e poi dico che non so se si possono prendere provvedimenti nei suoi confronti, la cosa di fatto non cambia. Non è una minaccia. Se ci sono gli estremi, prendo provvedimenti, se non ci sono non li prendo; d’altra parte non ho la certezza. Comunque cara Lorena, siccome anche tu fai parte del comitato, come già detto ai tuoi superiori 🙂 (scherzo eh) attendo data e ora per un incontro aperto a tutte le opinioni sulla 3^Pista.
        Io la penso così, ora so già: sfogatevi… 🙂
        Paolo

  4. Alcune precisazioni: sono apparsi alcuni articoli su cui veniva riportata la frase riferita al comitato WVG che sputa quotidianamente nel piatto dove mangia.Come Comitato abbiamo pazientato e ragionato per due settimane circa sul fatto di rispondere con un video messaggio. Abbiamo deciso di farlo, non per opportunismo politico mio personale come sicuramente sostiene in assoluta malafede Paolo, ma perchè abbiamo deciso tutti insieme che se viene attaccato il Comitato, il Comitato risponde e che se anche viene attaccato uno di noi, si attacca il Comitato. Siamo tante persone, ma siamo una cosa sola…sia nel prendere la decisioni, sia nel rispondere o meno a certi vergognosi attacchi.
    Poi permettimi una critica, non si è mai visto in paede democratico che un consigliere comunale attacchi un dipendete comunale. Ci sono i mezzi e gli strumenti per verificare se esistano violazioni nel comportamentio di un dipendete e soprattutto tramite questi mezzi si da la possibilità al dipendete di difendersi. Quindi non rinnego quanto detto nel video, lo confermo parola per parola…soprattutto il riferimento alla Costituzione Italiana, questa sconosciuta…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: