6 pensieri riguardo “Mozione sulla terza pista bocciata dalla maggioranza (e dalla Lega)”

  1. A proposito di Terza Pista… il canale Youtube di VivaViaGaggio propone novità. Sono stati pubblicati i primi frammenti relativi a LA PRIMAVERA DI GAGGIO.

    In più, assoluta novità, è in linea la prima parte della videochiacchierata con Patrizio Zaro, fervente sostenitore della Terza Pista. VivaViaGaggio rimane fedele al suo intento originario: informare, parlare parlare parlare a una comunità in coma civico. Benvenga allora la voce fuori dal coro.

    Dei video di VivaViaGaggio, all’inizio c’è stato chi ha detto le-peggio-cose. Sull’iniziativa e su di me, con insinuazioni assai poco edificanti. Pochissima gente – eh – e tra l’altro alle spalle. Forse perché anche loro si vergognavano un po’. Pensavano di fermare il movimento spontaneo, non ci sono riusciti. Si sono allora ricreduti, ovviamente, senza mai però pronunciare la parolina magica: «Scusa». Già da tempo Elton John aveva avvertito: Sorry Seems To Be The Hardest Word.

    E mentre ancora c’è chi si sottrae, adducendo improbabili scuse, io rivolgo il mio massimo rispetto nei confronti di Patrizio Zaro e alle sue opinioni, pur diametralmente opposte alle mie.

    Soprattutto ai giovani io dico: non rifuggite dal confronto, abbiate il coraggio delle vostre idee. Sempre se ne avete una, indipendente, propria.

    Amen.

  2. Scusate, ma come sapeta ero all’estero.
    Curioso l’atteggiamento della maggioranza, che propone degli emendamenti che di fatto non modificano + di tanto la mozione che avete presentato, ma siccome voi vi siete opposti, ha bocciato la mozione stessa. E poi il Sindaco va in giro a dichiarare che lui è contro la terza pista e partecipa pure alla camminata. Come al solito si dimostrano incoerenti e casciaball. Per la cronaca, noi ci siamo voluti astenere perchè sapevamo che si sarebbe trattato di una “disputa” alla vecchia maniera DC. Di facciata si dicono delle cose, poi nei fatti se ne fanno altre. Se ne parlerà ancora in futuro, magari con documenti reali in mano.

  3. Io sostanzialmente non credo (in realtà non vorrei crederci) che il sindaco abbia voluto mostrare una faccia (essere contro la terza pista partecipando alla camminata) per poi fare tutto l’opposto. Penso invece che per ragioni di convenienza politica essendo la regione favorevole da sempre al progetto della super-Malpensa abbia voluto dare un segnale del tipo: “Noi che apparteniamo alla stessa coalizione che ci governa in regione non crediamo che Malpensa sia un errore sin dall’inizio o come dicono gli ambientalisti il peccato originale di chi ha voluto questo grnde aeroporto in pieno parco…. però vogliamo preservare via Gaggio, Lonate, il territorio e le sue specificità.. e questo comporta anche il bellissimo balcone di Tornavento”. Premesso questo mi auguro che l’amministrazione sia disposta a tutto pur di salvare via Gaggio e questo bellissimo territorio già “provato” dalla grande Malpensa. Questo naturalmente è un discorso che io condivido appieno con chi ha pensato a questo movimento (ambientalista con tutto ciò che questo dovrebbe comportare sia sul piano etico che individuale) ma sostanzialmente “apartitico” e trasversale perchè le persone, i loro bisogno e il loro territorio viene prima dei partiti politici che dovrebbero piuttosto essere uno strumento più che un fine.

  4. Non saprei, volevo solo dire che forse una ragione c’è anche se temo che si tratti sostanzialmente di convenienze politiche e che un certo discorso improntato su uno “pseudosviluppo” sia comunque una caratteristica più di certe coalizioni (leggi di centrodestra) che di altre. Noi sappiamo cosa andiamo a perdere e non sappiamo cosa andremo a guadagnare, probabilmente molto poco; è quello che ci vogliono far credere in questa nostra Italia che pullula di pseudostatistiche e varie. Il fatto che una terza pista possa piovere dall’alto e che molta gente accetti la cosa come un sacrficio necessario per “sopravvivere” è di per sè un dato preoccupante. E’ un pò un segno di questi tempi caratterizzati da una democrazia “bloccata” (vedi i vari giornali che spesso fanno passare l’ampliamento del sedime aeroportuale come un’opportunità tacendo su tutto e costringendo la gente a vedersi snaturato il territorio con qualche piccolo ma insignificante intervento di “mitigazione” ambientale). Tutti sanno comunque che i profitti se ci saranno saranno per pochi ma questo non cambia nulla. Il discorso sulle motivazioni della non-firma della mozione da parte della maggioranza e presentata da un gruppo politico era un’ipotesi e spero fondata (per via Gaggio e per tutti noi che questo territorio amiamo e vogliamo consegnare alle generazioni future.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...