Momenti elettorali a confronto

Da una parte si parla di crisi, di aiuto alle imprese e alle famiglie, di Malpensa, di gestione del territorio… dall’altra “non mancheranno momenti di canti e musiche popolari”.
Io non ho dubbi su chi scegliere; certo è avvilente vedere a cosa si sta riducendo la politica, che per me resta ancora una cosa seria, non una questione di spettacoli e veline.

La Prealpina del 13 marzo 2010
La Prealpina del 13 marzo 2010
La Prealpina del 13 marzo 2010
La Prealpina del 13 marzo 2010

11 pensieri riguardo “Momenti elettorali a confronto”

  1. Peccato non poter partecipare al super-Cattaneo-show, già autore, attore protagonista, di un giornalino elettoral-propagandistico di trentatre pagine con venticinque foto sue. Culto della personalità all’ennesima viulénza. Me lo sono trovato un mese fa nella cassetta della posta.
    Proprio lunedì ho una riunione di verifica con le insegnanti del Corso di Italiano per Stranieri e poi mi precipito nella sede di un’associazione (quale? per ora mantengo il riserbo) per l’organizzazione de La Primavera di Gaggio.
    Sono curiosissimo di conoscere i «momenti di canti e musiche popolari». Trattando il tema di Malpensa e terza pista, immagino non mancherà un brano di Morgan. E poi tutti… fuori, nel parco Bosisio.

    Intanto io – a mo’ di agnellino in visita a una macelleria nei giorni precedenti a Pasqua – ho assistito a un incontro pubblico con Davide Boni, Assessore Regionale al Territorio della Lega Nord. Divertente, sentirlo sparare a zero sugli alleati del Popolo delle Libertà e su Berlusconi. Boni ha anche infierito sul PdL romano e ha rivelato la verità sul pasticcio delle liste: Bondi ha preteso fino all’ultimo di inserire uomini suoi di fiducia. Ho anche la registrazione di quanto ha detto. Davide Boni è forte, ci sa proprio fare.

    Ciao, buona domenica. Ci vediamo dal professor Bertolli in Sala Polivalente alle tre e mezzo.

    1. Intanto io – a mo’ di agnellino in visita a una macelleria nei giorni precedenti a Pasqua – ho assistito a un incontro pubblico con Davide Boni, Assessore Regionale al Territorio della Lega Nord. Esagerato 🙂 🙂 Noi siamo la LEGA NORD, ci lamentiamo, ci incazziamo, facciamo su un gran casino, ma siamo sempre civili nelle nostre battaglie. 🙂 🙂

    1. Negli ultimi anni ho frequentato parecchio i gazebo in piazza e mi sembra che quelli più affollati fossero quelli che offrivano da bere e da mangiare, non certo quelli dove ci si confronta con i programmi.
      Ma magari mi sbaglio io.

      1. No, non ti sbagli mia cara Nadia.
        Ti sei mai chiesta se non è proprio questo che vogliono gli elettori? Mangiare e bere gratis?
        Io me lo sono chiesta spesso, basta davvero così poco per accaparrarsi qualche voto?
        Evidentemente a molti elettori basta davvero così poco. Sconforto, grande sconforto.

        Ciao.

    2. Salvo poi che qualche d’uno ti si avvicina e ti chiede cosa pensi di questo o di quello, chessò ad esempio sull’ immigrazione. Tu dici la tua, lui o lei dice la sua e così si crea un dialogo e uno scambio di opinioni. Fosse solo per una persona, ne è valsa la pena. Vuoi mettere poi anche un po di polemica (spero simpatica)? Per foto vedi nostro sito.

      1. Quello di ieri, con te, è stato un confronto sereno e pure simpatico. Quello che mi preoccupa, al di là delle idee, è la VOCE del silenzio di altre persone.
        Una voce inquietante.
        Ciaooo

  2. Il gazebo, il presidio della piazza. Momento per discutere di programmi? No, certo che no. Occasione per far sapere che esisti, quello sì. Un modo per farsi conoscere, allacciare rapporti, rinviare ad altri appuntamenti.

    Mi rendo conto che di queste elezioni regionali mi interessa poco o niente. Fossero elezioni comunali, la musica cambierebbe. E, se fossi consigliere comunale io o addirittura assessore, vicesindaco o sindaco – io sarei in piazza ogni qual volta fossi libero. Sì, perché i gazebo pre-elettorali sono prevedibili e ruffiani, non mi piacciono. La politica è qualcosa da vivere ed esercitare ogni giorno, non solo nei quindici giorni precedenti alle elezioni.

    Se fossi consigliere comunale io, coglierei l’emergenza di una comunità in coma civico, chissà se reversibile o meno.
    Se… se… se…, ma chissà se lo farei davvero. Perché un conto è scriverlo alla tastiera di un computer, un altro è sobbarcarsi la fatica di tempo da devolvere alla causa. Lonate Pozzolo, si sappia, è un caso disperato.

    (…ma l’ultimo incontro di oggi pomeriggio del Prof. Bertolli è stato un raggio di sole)

  3. Sì però la Lega di Lonate che dice “Noi abbiamo il coraggio di denunciare e tutti gli altri bla bla bla”.. è simpatica…

    Lo è meno quando deve denunciare decisioni prese in provincia, in regione o a Roma…

    In quei momenti parla con la pancia, come piace dire ai suoi seguaci…. e..altro che bla bla bla..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...