24 pensieri riguardo “No alla terza pista”

  1. A Roma, nel giorno del terremoto abruzzesse, imprenditori ridevano, pensando agli affari da fare nelle terre del disastro. «Mica c’è un terremoto al giorno».

    Già. Mica c’è una terza pista al giorno…
    Del Parco del Ticino chi se ne frega. Gli affari sono affari. E nelle tasche dei lonatesi, fra l’altro, che cosa entra?

    Nel giro delle opinioni, possiamo o non possiamo metterci d’accordo almeno sul fatto che la stima dei settanta milioni di passeggeri nel 2020 è una pirlata?

    Ciao ai poveri lonatesi.

  2. Sono d’accordo e sottoscrivo: è una megapirlata.

    Bisognerebbe mettere un bel cartello all’inizio di Via Gaggio con scritto a caratteri cubitali: LASCIATE OGNI SPERANZA, VOI CH’ENTRATE, perchè qui Dante non c’entra nulla, ma noi si.

    Ciao a tutti.

  3. Senza dubbio parlare oggi di 70mln di passeggeri è una cosa fuori dal mondo, anche se a qualcuno piace volare anche con la fantasia.
    Però non è il fatto della stima senza fondamenta, quanto l’improbabile o meglio impossibile compatibilità col contesto dell’area su cui insiste Malpensa: prima bisogna far dire a chi ha dichiarato il Parco del Ticino area MAB che stava scherzando e internare coloro i quali hanno fatto la richiesta.
    In secondo luogo, non ci sono nè infrastrutture nè servizi adeguati al traffico attuale di passeggeri dopo 10 anni dall’inaugurazione della grande Malpensa, ma dove si vuole andare?
    Inoltre visto che lasciando le cose come stanno, solo migliorando l’efficienza della gestione dell’aeroporto e adeguando le vie di accesso, Malpensa può tranquillamente sopportare il doppio dei passeggeri e dunque con una previsione di sviluppo per i prossimi 30/40 anni, le opere che si vorrebbero fare, servirebbero tra 40 anni: e naturalmente quando serviranno saran da rifare perchè obsolete.
    Allora?
    Però devo aver letto che il rumore verrà “spalmato”..

    1. Condivido completamente. La mozione ha lo scopo di stanare questo Sindaco e la “Sua” maggioranza. Il NO alla terza pista deve esere chiaro e forte. I cittadini devono essere informati di quello che sta per succedere sul territorio. In modo particolare i residenti di Tornavento devono pretendere chiarezza sul loro futuro. Gli stessi abitanti di Vizzola Ticino e Castelnovate devono essere messi in allarme sul ciò che succederà al loro territorio e alla loro qualità di vita con la realizzazione della terza pista.
      La spalmatura…? Vecchio trucco ridicolo che tende a dividere i Comuni. Purtroppo c’è chi, per obbeddienza ai superiori, dirà che è vero.

      1. Il Sindaco Gelosa si è coraggiosamente dichiarato contrario alla terza pista. Io parto sempre da qui.

        Coraggiosamente, perché immagino non sia simpatico andare contro la linea del suo partito a livello provinciale, regionale, nazionale. Qua sono in ballo tanti dollaroni, euroni, soldoni.

        Un’occasione importante a disposizione del Sindaco, della Giunta e del Consiglio Comunale tutto per dar seguito a quel coraggio di cui noi cittadini lonatesi abbiamo disperatamente bisogno, è fornito dal convegno del 6 Marzo

        Spero che i rappresentanti politici locali siano stati invitati. Avrei tante domande da porre loro. Mi raccomando, però, cari politici: niente cose comiche tipo assenze per indisposizione o sopraggiunti impegni, invio di lettere da leggere durante l’incontro, oppure la presenza per i saluti iniziali e poi il fuggi-fuggi. No, eh… abbiamo già visto quelle cose lì. E proprio non ci piacciono. Non vogliono dire niente.

        Questa è un’emergenza, i teatrini non servono.

  4. Fuori tema – il carnevale di sabato pomeriggio.

    E’giusto festeggiare e far divertire piccoli, grandi e negozianti che vendono abiti e accessori.

    Si fa il giro del paese sporcando tutte le strade, tanto dopo gli operai della SAP con lavoro straordinario passano a pulire, il tutto rientra nelle tasse che i cittadini pagano.

    Il giro dei carri in zona industriale non è mai stata presa in considerazione, perchè non proporre di farli in via Gaggio.

    ciao

    1. Carnevale in via Gaggio, ma che meraviglia! Io in via Gaggio farei tutto, prenderei pure la residenza.

      Anche una Messa ogni tanto chiederei di celebrare in via Gaggio, così come si fa con l’Oratorio quando si va in montagna.

      Dobbiamo stare vicino a un caro morente.

      …anche perché noi crediamo ai miracoli

      Dire? No, fare.

  5. Caro Roberto e cari amici al convegno del 6 Marzo saranno invitati i partiti politici, i gruppi poltici locali e chiunque voglia dire la propria su questo argomento. L’unica cosa che mi sento di dire è stiamo attenti alle promesse elettorali fatte da chi è in cerca solo di voti e di consenso. E mi riferisco anche a chi nell’ambito del centro sinistra non è contrario alla terza pista. Stiamo bene attenti, so bene che non è facile fare una scelta simile…ma forse l’unico candidato da sostenere sono io….e non lo dico,come lo testimoniano anche i filmati, solo perchè sono candidato, ma solo perchè sin dal 1999 da quando ho iniziato a fare politica con molti di voi ho sempre mantenuto fede alle mie idee…alla mia contrarietà rispetto al progetto terza pista e di sicuro a differenza di altri non ho nessun padrone o livello politico superiore che la pensa diversamente da me…

    1. Walter scende in campo! Evvai!!!

      A proposito di campagna elettorale, oggi mi è arrivata la letterina d’amore di Alessandro Alfieri, PD. Uno scritto, di quelli che ti scaldano il cuore, ma solo a 40°C.
      Più massiccio e roboante, nei giorni scorsi, il giornalino-giornalone di 33 pagine di Raffaele Cattaneo, PdL. In 33 pagine, è riuscito a infilarci 25 sue foto. Culto della personalità. Fra le 25 foto, l’immancabile foto con è-lui-o-non-è-lui?Certo-che-è-lui: Silvio Berlusconi! La foto sorridente in posa con Silvio I° da Arcore, da infilare nel volantino pro-campagna elettorale, è un momento immancabile nella vita di un politico del PdL, un po’ come per un bimbo sulla spiagga scattare la foto con il leoncino in braccio . Povero leoncino…e povero Silvio I°, per entrambi chissà che fatica con tutte quelle foto!

      Walter, tu che farai? Riuscirai a battere Raffaele Cattaneo? Ci invierai un giornale alto quanto il Catalogo PostalMarket oppure il Burda o Vogue?

      Scherzi a parte, il giornalino di Cattaneo è fatto molto bene. Un’operazione di marketing molto studiata. Complimenti agli autori.
      Peccato che la politica non sia un detersivo in polvere, ma va bene uguale.
      Ciao!

    2. Caro Walter, come ben tu sai non ho mai avuto nessun padrone (o padrino) politico. Mi sono sempre sforzato (per quel che posso) di ragionare con la mia testa, di chi vive pienamente la propria realtà locale. Io ho una tessera di partito ma non ho venduto il mio cervello. Non basta non avere il livello superiore in sintonia con la propria posizione per dichiararsi senza padroni. Si è tali (cioè senza padroni) se si decide di avere pensieri liberi sempre e comunque.

      1. Carissimo Donato, lungi da me l’idea di pensare che uno come te che tanto mi ha insegnato e mi insegna ancora oggi, abbia un padrone o padrino politico. Mi riallaccio alla tua ultima frase “si è tali (cioè senza padroni) se si decide di avere pensieri liberi sempre e comunque è aggiungo io avendo anche una coerenza di queste idee.
        Io al di là di avere un partito piccolo con molti difetti posso avere l’onesta politica di dire che non ho padroni sopra di me e si aver mantenuto le mie idee chiare, limpide e sincere.

        Caro Roby avessi 1500 euro metterei un banner su varesenews, avessi altri soldi farei sicuramente altre gadget da distribuire…e invece dovrò recuperare 300-440 euro per fare delle cartoline da distribuire…

    3. Mah, io avrei uno sfogo da fare, e siccome non riesco a stare tranquillo finchè non lo faccio, (ed inoltre so che la cosa farà incazzare l’interessato) ma a me sembra che si stia
      strumentalizzando la Via Gaggio per raccogliere i voti alle Regionali. Secondo me è = a Cattaneo. Ovviamente, prima che si arrabbi per il paragone, intendo nel modo di proporsi per raccogliere i voti.
      Ecco, ora l’ho detto. Ora posso proseguire l’offerta che sto facendo più tranquillamente, anzi siccome mi sono tolto il peso, magari faccio anche lo sconto al cliente. 🙂

      1. Caro Paolo mi fa incazzare solo l’idea che tu possa paragornami a Cattaneo. Tu dici che sto strumentalizzando Via Gaggio per raccogliere voti? La risposta è no. Io sulla terza pista e su Via Gaggio ho la stessa idea, che porto avanti da quando ho iniziato a fare politica del 1999; interessarmi di una cosa che mi ha sempre interessato, anche in tempi non elettorali, e che ho sempre difeso ti sembra una strumentalizzazione? Forse ti sei distratto in questi anni, se no non arriveresti a scrivere certe cose. E poi scusami io non ho mica milioni di euro da spendere per arrivare in tutte le case dei cittadini lombardi, mi sto facendo della giusta campagna elettorale con il mio blog, con dei volantini e magari con delle cartoline…con pochi mezzi…mentre dall’altra parte ci sono milioni di euro.
        Casomai dovreste essere voi della LEGA di Lonate Pozzolo a spiegare come mai BONI, BOSSI, MARONI, BONOMI vogliono la terza pista e se sbattono di cancellare un paese come Tornavento!!! e poi non avete voi tappezzato la provincia di Varese con cartelloni dove si dice basta al consumo di suolo? per fare le terza pista se ne portano via 330 ettari….coerenza??!!

      2. Beh si, ammetto che il paragone con Cattaneo è un po forte, però mi serviva per far pasare il mio pensiero, che deve essere preso come tale. Ma perchè dici che Boni, Bossi e Maroni vogliono cancellare Tornavento? Li hai intervistati? Li hai invitati a qualche tua iniziativa? Io voglio far passare (almeno ci tento) questo messaggio: prima di fare un funerale, aspettiamo che ci sia il morto “ufficialmente”. Tu sei o non sei a conoscenza di atti ufficiali che dicono che il Comune di Lonate debba cedere Via Gaggio? Si, ebbene invitate al 6 Marzo Boni, Bossi e Maroni e gli chiedete il perchè. No? allora insisto: di cosa stiamo parlando? Ne dico un’altra, così s’incazza anche The Jack, e sem a post.. perchè hanno fatto passare una mozione sull’amianto dove si diceva in sostanza che solo in presenza di atti ufficiali la maggioranza doveva spiegare tutto, mentre quì questo “concetto” non vale? Ecco, io sinceramente ho preso spunto dalla mozione votata dalla maggioranza con i DU, (la Lega aveva votato contro)per applicare il “concetto”. Tutto quì.

  6. Le provocazioni di Tiziani servono a depistare l’argomento Via Gaggio, solamente per mascherare la propria difficoltà a prendere posizione. In fondo c’è la paura di essere ripreso dai propri superiori. E’ vero i funerali si fanno quando c’è il morto, ma è vero anche che bisogna utilizzare tutte le cure possibili per evitare il decesso. E per quanto ne so io i morti non tornano indietro. Ammesso e non concesso che i DU, sulla mozione amianto abbiano sbagliato, perchè volerli imitare?
    E la vostra tanto attesa assemblea pubblica per informare i cittadini, che fine ha fatto?
    Ma ritorniamo alla Via Gaggio. La vogliamo preservare si o no?
    Qui non c’è bisogno di avere atti ufficiali depositati in comune.
    Tutti noi conosciamo gli intenti di SEA. Tutti noi conosciamo che la Regione Lombardia, la Provincia di Varese, La provincia di Milano, il comune di Milano vogliono l’ampliamento di Malpensa. E l’ampliamento è voluto in modo trasversale da tutti i partiti di maggioranza e opposizione.
    Allora chi difende Lonate se non noi che ci viviamo?
    Non c’è nessuna strumentalizzazione a fini elettorali.

  7. Ehi ehi ehi… mi distraggo un attimo (mezza giornata più corso di italiano) e va’ cosa succede 🙂

    Duelli verbali da Champions League! Non dico da Festival di Sanremo, altrimenti vi offendo. Abbiamo visto o ascoltato tutti l’Italietta-Italiaccia del PrinciPupo, vero?

    Caro Paolo, almeno per quanto riguarda i filmati di Viva Via Gaggio e La Primavera di Gaggio, tu sai che siamo abbastanza forti da segare ad altezza caviglia ogni tentativo di strumentalizzazione. Poi, dài, ammetti, accusare un Verde di usare la tematica ambientale per farsi pubblicità elettorale è davvero troppo: se non si battono per questo, per che cosa si devono battere?

    Approfitto per invitare te e i simpatizzanti della Lega Nord tutta alla Primavera di Gaggio, convegno in movimento, camminata in brughiera, alle 10 di mattina, domenica 21 Marzo. Stiamo pensando a qualcosa di più ludico anche per il pomeriggio. Sto disperatamente cercando aiuti per l’organizzazione. roberto.vielmi@gmail.com

    Le riflessioni per ora viaggiano spontanee su facebook

    Tutti, ma davvero tutti, si sentano invitati. I politici, soprattutto loro, non si aspettino la convocazione in marca da bollo, come amano fare. Invierò mail. Il tempo è poco, le forze anche. Chi ha a cuore il tema, in un senso o nell’altro, venga, discuta, si confronti. Ci dia una mano, non complichi la vita.

    Ciao.

  8. La sfida – o il suggerimento – di Paolo è stato lanciata: organizzatori del convegno del 6 Marzo 2010, ore 9 di mattina, invitate ufficialmente Boni, Bossi e Maroni! Paolo, magari metti una buona parola anche tu.

    Approfitto per invitare a visionare il volantino del convegno, che Gianfredo mi ha girato su mia richiesta.
    Per comodità, l’ho caricato sul mio server. Dobbiamo diffonderlo più che possiamo. I lonatesi devono sapere, i lonatesi hanno il dovere, prima ancora che il diritto, di essere informati.

    Ciao.

  9. (1) su via Gaggio
    @Walter – secondo me è vero che strumentalizzi via Gaggio per raccogliere voti. Ci mancherebbe altro! Trovami un esempio (o “strumento”) che possa rappresentare le esigenze ambientali meglio della situazione di via Gaggio 🙂
    @Paolo – per evitare le strumentalizzazioni è utile raccogliere e diffondere informazioni precisi sui piani e sui progetti strategici di SEA (e della regione Lombardia). Non facciamo finta che il governo di questi enti sia in mano a manager professionisti che nulla hanno a che fare con la politica e con i partiti che hanno la maggioranza in regione.

    (2) sulla mozione Amianto
    Non vorrei riprendere un vecchio discorso, ma aver approvato la mozione che impone all’amministrazione un percorso “obbligato” da seguire a fronte di documenti ufficiali non impedisce di sviluppare altre azioni. Si tratta di distinguere tra “condizioni necessarie” e “condizioni sufficienti”: con la mozione abbiamo sancito una condizione sufficiente all’azione (è sufficiente che ci siano dei documenti ufficiali per dover agire) non una condizione necessaria (cioè non è necessario che ci siano dei documenti ufficiali per poter agire). A me è sembrato un buon risultato e mi dispiace (sinceramente) che non ci sia stata la condivisione di tutte le forze politiche.

    1. Capisco e comprendo la posizione di Paolo e martedì sera, alla riunione per il convegno del 6 è stato deciso di invitare SEA, i Presidenti di Provincia di Varese, la giunta regionale.etc…ma tanto sappiamo che non si presenteranno mai…non è il primo convegno a cui vengono invitati. Mi ricordo che quando organizzammo un convegno sulla VAS in LIUC (quindi non un ricettacolo di ambientalisti di sinistra) hanno declinato l’invito.
      Per la questione via Gaggio è la parola strumentalizzazione che mi dà fastidio, nel senso che sarei io il primo di dire una cosa simile, se al mio posto ci fosse una persona che non conosce minimamente la questione e la cavalca solo a fini elettorali. Ma scusami Paolo, una candidato lonatese che ama il proprio territorio e che si impegna in prima persona per difenderlo tu lo accusi di strumentalizzazione?!? …ma siamo seri. Quanto agli atti ufficiali, io mi baso anche su quelli e comunque ha ragione Donato quando dice che le loro intenzioni sono chiare e precise, conosciute da tutti. Solo la Lega Nord di Lonate fa finta di conoscerle…

  10. Bene, sono contento (già l’avevo previsto)che vi siate scatenati, offesi, indignati ecc.ecc. Aggiungo una cosa, così la frittata è fatta… Walter, (così rispondo anche a Roberto) perchè dico strumentale? Perchè la cosa avviene ad un mese prima delle elezioni Regionali. Se la cosa fosse stata fatta il giorno dopo, avrebbe suscitato in me meno sospetti di strumentalizzazioni. Tutto quà. Se guardate le mie dichiarazioni al video fatto con Roberto, la mia posizione è sempre quella: chiarezza. Però io ritengo che la chiarezza su un’argomento così importante e delicato allo stesso modo, sia da richiedere a chi già ci governa. E’ per questo che io sostengo che l’incontro pubblico lo debba fare e organizzare il Sindaco, la sua maggioranza, e tutto il Consiglio Comunale. Così rimane un atto veramente forte. Ovviamente richiedendo e pretendendo la presenza di tutti: SEA-Regione-Rappresentati ecologisti ecc.ecc. Allora sì che è una cosa a 360°.
    Sapete perchè non abbiamo organizzato (fin d’ora) l’assemblea pubblica per l’amianto?
    Perchè avevamo chiesto che fosse il Sindaco ad organizzarla, (l’operatore ovviamente non l’avrebbe fatta da solo) così non veniva etichettata come un’iniziativa politica della LEGA NORD, e saremmo stati lontani da potenziali strumentalizzazione da parte di tutti.
    Ora forse mi sopravvalutate più del legittimo. Io non ho nessuna difficoltà ad ammettere che non sono in grado di sostenere come Segretario della LEGA NORD di Lonate un dialogo costruttivo, chiaro, nel bene della popolazione, su un’argomento che conosco solo per quello che leggo e sento da una sola “parte”. Bene avete fatto ad invitare anche SEA ecc.ecc., ma ritengo che se la cosa l’avesse fatta il Sindaco, avrebbe avuto più possibilità di successo.
    So che è inutile sottolinearlo, ma reputo Walter una persona per bene come tutti voi, quindi spero che abbia inteso il mio “attacco” non alla persona, ma alla sua linea politica.
    Vi ringrazio dell’ospitalità e vi porgo cordiali saluti.

    1. No ho mai considerato il tuo un attacco personale, mi sembrava fuori luogo…tutto qui. Quanto alla sacrosanta partecipazione degli enti superiori come Provincia, Regione,Comune di Milano….o la stessa SEA voleto sottolinearti solo una cosa Paolo, non si sono MAI e dico MAI presentati ad un convegno organizzato anche da realtà esterne alle associazioni ambientaliste, figurati se da noi si presentano. L’invito è stato mandato, attenderemo con fiducia una risposta che non verrà mai…Anche perchè quando è stato organizzato qualcosa da altri soggetti, tipo la Provincia con Reguzzoni ancora come Presidente, noi non siamo stati invitati e pur presentandoci ci hanno permesso di parlare alla fine di tutto quando in sala c’erano solo gli addetti alle pulizie. Oppure in una seconda occasione, abbiamo dovuto bruscamente interrompere una assemblea organizzata da una associazione di CL, vicina a Cattaneo dove erano presenti l’allora Presidente di Sea Bencini, Bonomi, Fossa e altri soggetti che hanno governato e stanno governando la Provincia di Varese e non solo, alcuni Sindaci (Lonate Pozzolo, Ferno e Somma Lombardo); alla nostra richiesta di chiarimenti circa il fatto di non essere stati copinvolti, il messaggio e la risposta che ci hanno dato era la seguente “dei problemi ambientali, del Parco del Ticino, della Brughiera e di Via Gaggio non ci interessa nulla, non sono argomenti culturalmente elevati e quindi non abbiamo voluto invitarvi”. Noi li abbiamo sempre invitati salvo non ricevere mai una risposta…

    2. Caro Paolo, sei prezioso. E questo ho scritto di te fin dal primo messaggio. Guai se non ci fossi. Il dialogo, il dibattito, il confronto. A volte anche a muso duro, ma pur sempre il confronto.

      Non mi voglio caricare di troppa importanza, ma – caro Paolo – tu sai che se in questo mese si è ritornati a parlare prepotentemente della tematica ambientale a Lonate Pozzolo è per i famosi video di YouTube. Non solo per quello, ma anche. Bene, l’idea è frullata in testa a me. Sai da cosa? Ripeto: dalla famosa dichiarazione del Sindaco in Consiglio Comunale. Sindaco di Lonate Pozzolo, Piergiulio Gelosa, PdL. Ora, va bene tutto… ma non si vorrà dire che mi strumentalizza il PdL!

      E sta’ tranquillo che – come tu ben sai – io segherò ad altezza caviglia ogni tentativo di strumentalizzazione, che comunque non c’è e non ci sarà. Qua vive l’esempio può alto di par condicio, senza bisogno di una legge. Tutti possono parlare, tutti possono intervenire, il 21 Marzo o quando vogliono. Tutti dicano quello che hanno da dire. Che lo dicano, però.

      Ciao!

    3. Roberto, lungi da me il pensiero che tu sia manovrato/strumentalizzato NON solo dal Pdl, ma da chiunque. Credo che ormai voi mi conosciate abbastanza; se l’avessi pensato, non ci avrei messo più di un secondo a scriverlo. Io sarò sempre grato a voi tutti per l’opportunita che data ai cittadini di dire la loro su qualsiasi argomento si voglia parlare, e credetemi (se vi va) lo dico sempre anche in sezione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: