9 pensieri riguardo “I cittadini per la via Gaggio”

  1. Alcuni commenti a tema, ricevuti sulla mia pagina Facebook in questi giorni: «cosa respiriamo?????quando camperemo…» (Antonio), «si, la domanda è: perchè? Se le compagnie sono in crisi, Malpensa pure… perchè?» (Massimo), «a cosa serve una terza pista quando già il terminal 2 è poco usato???» (Nadia), «Si pensa della natura incontaminata?» (Samuele), «perchè ci rubano lo spazio???» (Manuela), «Spesso dai comuni o dagli enti locali arrivano dati contrastanti sulle rilevazioni ambientali. Quanto ci possiamo fidare? E quanto incide l’ inquinamento acustico, che spesso è sottovalutato, perche’ siamo assuefatti ai rumori…» (Luca), «che fine hanno fatto i sindaci, le giunte dei comuni limitrofi che protestavano per l’inquinamento della favolosa Malpensa 2000 e anche i cittadini, perchè temo sian stati rapiti dagli alieni. Attendo notizie rassicuranti.» (Marco), «Bravo. E anche il comitato Malpensa 2000…..» (Luca), «quando lascerano alle compganie volare in tutte le rotte e smetterano di protegere il dinosauro malato terminale de Alitalia?» (Ale), «Perch… See moreè TUTTI siamo tenuti (obbligati per legge) a rispettare le “nostre” zone verdi, la flora e la fauna e se raccogliamo un fiore (che poi ricrescerà) in via Gaggio o giù al fiume siamo dei criminali insensibili, e ci multano duramente….E poi!…Mezzo parco l’han già portato via con la seconda pista e adesso l’altra metà con la terza!
    Le leggi ci sono ( inquinamento dell’aria e delle falde, acustico impatto ambientale, Parco del Ticino) e se le rispettassero non potrebbero anche loro raccogliere quel fiore!!! Ma pare che le leggi non siano più “uguali per tutti”!!! Anche a me a volte, passando di la vien da piangere, pensando al lavoro di chi ha fatto quella strada e pensando alla fatica di un tempo, fatta a mano, braccia e schiene, senza i mezzi moderni.. E solo per poter arrivare ai campi in valle per tagliare il fieno per le bestie!!! Altri valori, altra cultura e tanto rispetto per il … See moreprossimo (animali compresi). Dove sono oggi questi valori e questa cultura?» (Giuseppe), «mi picerebbe capirne qualcosa in più di questa terza pista: l’ente parco ticino sarà d’accordo? e la forestale ( è area a bosco), e il piano regolatore la prevede o che destinazione prevede per quei terreni? e il comune cosa ne pensa? erto che per come è desolata oggi malpensa, ci vuole un bel coraggio a parlare di terza pista!» (Davide).

    LONATE POZZOLO, CORAGGIO

    1. OK, OK, non sparate sul…titolista, ma – cavolo – ha colpito ancora!

      Riguardo all’articolo, ringrazio tanto Matteo Bertolli per l’eco che ha attribuito alla mia iniziativa.

      La posizione di Paolo Tiziani è differente da quella che emerge dalla Prealpina. Paolo si è mostrato perplesso nei confronti di chi si è schierato subito per il NO e la parola d’ordine del segretario della Lega è da sempre solo una:chiarezza. Esigenza di informazione.

      Immagino che gli organi superiori della Lega avranno storto il naso alla lettura dell’articolo, ma le posizioni di Paolo sono ben chiare qua: http://www.youtube.com/watch?v=rxIdkx6SXH8

      Mi sento di dover tutelare il pensiero di Paolo, come segno di gratitudine nei suoi confronti, per la gentilezza con cui si è prestato alla chiacchierata. Per gli equivoci, per i trappoloni spazio non c’è. Spero che la Prealpina pubblichi la rettifica.

      E intanto se ne parlerà ancora. I Lonatesi si informino (e si tengano pronti a un incontro a tema).

      Ciao.

      1. Ciao a tutti volevo preannunciare che il giorno 6 MARZO 2010 a Lonate Pozzolo presso il Monastero di San Michele ci sarà un convegno organizzato da Legambiente, Fai, Acli, WWF, UNICOMAL, Covest, Amici della Natura di Arsago, Excalibur dal titolo UNA MALPENSA…2000 PROBLEMI, dove verranno presentati i documenti preparati dalle associazioni ambientaliste che erano stati realizzati pe ril convegno organizzato dal CUV lo scorso 28 Novembre.
        Parleremo di inquinamento atmosferico, dei costi sociali di Malpensa, del lavoro di terza pista etc…

  2. Disprezzo l’uso dei sondaggi, ne aborro l’abuso.
    Oggi sulla mia pagina Facebook ne ho avviato uno anche io. Un sondaggio-non-sondaggio. Al mio campione NON rappresentativo di amici, ho lanciato il seguente stimolo: Se scrivo POLITICA, che parola ti viene in mente? Una sola, eh!. Ecco le risposte:
    – cacca
    – escremento
    – extrasistole
    – ladri
    – schifo
    – merda
    – ipocrisia
    – mafia
    – delusione
    – merda
    – controllo
    – moda
    – impegno
    – sacrificio
    – falsità
    – furbi
    – schifo
    – parole
    – interesse
    – sporco
    – vita
    – passione
    – scelta
    – torbido

    Qualunquismo? Realtà? Poco importa. Ciò che deve importare è l’ennesima conferma dello scollamento fra la cosiddetta società civile e la classe politica, locale o nazionale che sia.

    Che dramma, vero?

    Se non fosse stato per un’aspettativa negata sul posto di lavoro, io a quest’ora sarei lontano da Lonate Pozzolo, lontano dall’Italia, lontano dall’Europa.

    Amo Lonate Pozzolo, ci ho vissuto per quarant’anni, ma sarei pronto a lasciarla anche domani. Per sempre. Fino a quel giorno, però, sento di avere il dovere di servirla al meglio. Il primo dovere: risvegliare la coscienza civica dei lonatesi. Coscienza, senza la quale null’altro della vita politica lonatese ha più senso.

    Cari Politici, non avvertite l’assenza della gente?

    Ciao!

    1. Già sai quanto l’avverto, soprattutto se consideri che “impegno” e “passione” sono le parole che ho usato io e quindi, tolte quelle, il panorama è piuttosto desolante!
      Ci si riempie tanto la bocca della parola “partecipazione”, però è anche vero che coinvolgere le persone è sempre più difficile. A livello locale scontiamo purtroppo l’influenza della politica nazionale. Ci sarebbero tante cose da dire, tanti distinguo da fare, ma nell’epoca dell’informazione veloce quello che passa è semplicemente questo… sono tutti uguali.
      E chi ci prova ad impegnarsi per cambiare le cose fa fatica a volte a non scoraggiarsi, vedendo quali sono le armi vincenti di oggi (veline e salamelle, per esempio).

      Esistono ancora non dico gli ideali, ma almeno le idee?

  3. Cara Nadia, ho apprezzato il tuo coraggio nel voler intervenire sulla mia pagina Facebook dopo aver letto commenti lusinghieri quali cacca, escremento, extrasistole, ladri, schifo, merda, ipocrisia, mafia, delusione, merda, controllo, moda. Un grande coraggio davvero. I miei amici hanno apprezzato.

    La tua visita, cara Nadia, è stata una vera discesa nella fossa dei leoni. Dei leoni o degli struzzi (e struzzo sono stato anche io per tanto, troppo tempo). Sì, perché gli autori dei commenti al vetriolo non sono degli anarco-insurrezionalisti anti-sistema che vivono in case occupate e di mestiere sfasciano vetrine delle multinazionali. No, sono tranquilli ragazzi e ragazze, signori e signore, che vivono, votano (forse) e usufruiscono dei servizi che la politica offre loro.

    Sì, Nadia, passione è la parola che hai scelto, impegno è di un’amica attiva in politica a Gallarate e sacrificio è stato detto dal figlio di un notissimo politico. Fra i positivi, solo vita e scelta non provengono da esistenze direttamente legate alla politica.
    Il resto è odio. Che è sempre meglio dell’indifferenza. Qualcuno dice che l’odio è solo un’altra forma di amore. Bene, odiamoci allora, ma facciamo alla svelta: il menefreghismo ucciderà un Paese intero.

    Chi si considera onesto, in politica non si mette. Non ne vuole sentire parlare. Allora? In politica chi entra?

    Politico, reagisci, rispondi, di’ qualcosa. Reagisci. …e dài. Dài. Rispondi. Politico, di’ qualcosa. Reagisci. Dài. Di qualcosa, Politico, rispondi. Politico, di’ una cosa di di sinistra, di’ qualcosa anche non di sinistra, di civiltà. Politico, di’ una cosa, ma qualcosa. REAGISCI!

    Non di sola salamella vive l’uomo.

  4. Io faccio politica non il politico. E’ comodo dire peste e corna della politica. Fare politica per me significa, come dice Nadia, impegno e passione, ma anche responsabilità, senso civico. Certo che molti politici hanno dato pessimi esempi. Ma tutto questo non giustifica l’atteggiamento menefreghista e qualunquista di molti. Essere disonesti in politica è facile ma non è un obbligo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: